Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Quali sono le piante che riducono l’inquinamento e ci aiutano a respirare meglio in casa secondo Coldiretti

Foto dell'autore

Simone Scalas

Introdurre piante mangia polveri per combattere l’inquinamento atmosferico rappresenta una soluzione promettente per affrontare l’emergenza smog nelle città italiane. Cosa dobbiamo sapere e curiosità che pochi conoscono.

La collaborazione tra Coldiretti e Assofloro per individuare le specie di piante che riducono l’inquinamento nelle abitazioni è un passo significativo verso la creazione di ambienti più salubri. L’importanza di queste piante risiede nella loro capacità di assorbire grandi quantità di anidride carbonica e polveri sottili. Ciò permette di migliorare la qualità dell’aria e proteggere la salute dei cittadini. Promuovere la presenza di piante come Leccio, Fotinia, e Ginkgo Biloba può svolgere un ruolo cruciale nel rendere le strade e gli ambienti urbani più vivibili e sostenibili. È essenziale considerare fondamentale il ruolo delle piante da appartamento nel migliorare la qualità dell’aria negli ambienti chiusi.

La presenza di specie come Sansevieria, Yucca e Pothos può ridurre significativamente l’anidride carbonica e le polveri sottili, mitigando la cosiddetta Sindrome dell’edificio malato. Si tratta di edifici che creano rischi per la salute associati a mal di testa e problemi respiratori. Questa strategia offre anche benefici tangibili per il benessere e la produttività delle persone che vivono e lavorano in ambienti chiusi. Oltre a a contrastare l’inquinamento atmosferico.

Alcune curiosità sulle piante

Quali sono le piante che riducono l’inquinamento? Ce ne sono diverse e tutte hanno curiosità che pochi conoscono. Investire nell’introduzione di piante da appartamento nei vari contesti abitativi e lavorativi può rappresentare un passo significativo verso la creazione di ambienti più salubri. E molto più sostenibili per tutti. Le piante che proteggono offrono benefici per la salute umana e l’ambiente, ma presentano anche una varietà di caratteristiche uniche e curiose. Per esempio, la Sansevieria, nota anche come pianta della madre-in-law, è famosa per la sua capacità di sopravvivere anche nelle condizioni più avverse, richiedendo pochissima manutenzione.

Allo stesso modo, la Yucca è una pianta resistente e decorativa che può contribuire significativamente alla purificazione dell’aria in ambienti chiusi. La Pothos, conosciuta anche come Epipremnum aureum, è efficace nel rimuovere le tossine dall’aria. Ma è anche una delle piante più facili da coltivare. Ideale per coloro che non hanno un pollice verde.

Quali sono le piante che riducono l’inquinamento? Alcune sono incredibili

Alcune piante hanno peculiarità davvero particolari. Per esempio, il Ginkgo Biloba, conosciuto anche come albero dei ventagli o albero della memoria, è una delle piante più antiche sulla Terra, con una storia che risale a milioni di anni fa. Questo albero, oltre ad essere rinomato per le sue proprietà medicinali e antiossidanti, ha una caratteristica unica. È una specie di albero vivente fossile, il che significa che è rimasto sostanzialmente invariato per milioni di anni.

L’Acero Riccio è un’altra pianta che potrebbe fare al caso nostro. Con le sue foglie lobate e distintive, offre non solo un valore estetico, ma anche un ruolo importante nella cattura delle emissioni nocive nell’aria. Ciò che rende l’Acero Riccio particolarmente interessante è la sua capacità di cambiare colore in autunno, passando da tonalità di verde vivace a sfumature di rosso, arancione e giallo. Crea, quindi, uno spettacolo mozzafiato sia nelle foreste che nelle aree urbane. Le curiosità sulle piante che proteggono non si limitano solo alle loro caratteristiche esterne, ma si estendono anche al loro ruolo nella storia e nella cultura umana.

Il Tiglio è una pianta venerata in molte culture per le sue proprietà medicinali e calmanti. Le sue foglie e fiori sono stati tradizionalmente utilizzati per preparare tisane e rimedi per alleviare l’ansia e promuovere il sonno. È spesso associato a rituali religiosi e spirituali, simboleggia la pace, la saggezza e la protezione. Molte scuole stanno incorporando programmi di giardinaggio che coinvolgono gli studenti nella conoscenza e coltivazione e cura di piante anti-smog. Fa parte del programma di educazione ambientale. Questi programmi dovrebbero aumentare perché non solo insegnano ai giovani l’importanza della conservazione ambientale, ma danno anche l’opportunità pratica di connettersi con la natura.

Impostazioni privacy