Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Rimborso modello 730/2024: ecco come riceverlo il prima possibile

Foto dell'autore

Giacomo Mazzarella

Chi deve recuperare le detrazioni per delle spese che ha sostenuto oppure chi ha pagato più tasse ha nel modello 730 la soluzione atta al recupero. E molti si chiedono come fare per recuperare il prima possibile ciò che gli spetta.

In questo caso le date sono fondamentali e adesso vedremo chi riuscirà ad ottenere in maniera più sollecita possibile questi rimborsi fiscali provenienti dal modello 730. Sul rimborso modello 730/2024, ecco come funzionano scadenze, date e regole.

Rimborso modello 730/2024, ecco come riceverlo il prima possibile

Dal 20 maggio prossimo si inizia a fare sul serio per quanto riguarda la dichiarazione dei redditi con il modello 730. Infatti, proprio dal 20 maggio si inizierà a inoltrare la dichiarazione dei redditi per completare l’adempimento fiscale. Che è assolutamente obbligatorio per tutti i titolari di reddito nel 2023. Alla luce di questa considerazione, le scadenze e le date da ricordare diventano assolutamente fondamentali. Ma se durante la fase di predisposizione della dichiarazione dei redditi le date e le scadenze che interessano sono quelle relative all’adempimento in quanto tale, poi si passa alle date di incasso delle imposte a credito. La dichiarazione dei redditi per molti contribuenti è importante perché consente di recuperare l’eccedenza di imposta pagata precedentemente.

Le scadenze e tutte le date utili

Presentare il prima possibile la dichiarazione dei redditi è fondamentale. Soprattutto per chi riceve il rimborso fiscale spettante tramite un sostituto di imposta. Sia esso il datore di lavoro o l’Ente pensionistico da cui si riceve la pensione. Su questo i dubbi non ci sono. Anche perché i rimborsi, soprattutto per chi utilizza un sostituto di imposta, arrivano nella prima busta paga utile che riceve il lavoratore. L’avvio della messa a disposizione del modello 730 è partito il 30 aprile scorso. In effetti l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione dei contribuenti la loro dichiarazione precompilata. Ma solo dal 20 maggio è diventato possibile trasmettere il modello. E la scadenza ultima per la presentazione è fissata, salvo proroghe future, al 30 settembre 2024. ​

Differenze di incasso in base al modello 730 usato

Chi presenta la dichiarazione dei redditi entro il 31 maggio sarà senza dubbio il primo a ricevere il rimborso spettante. Infatti, a seconda che il modello sia presentato tramite Cassetto Fiscale in forma autonoma, tramite sostituto d’imposta o tramite CAF e professionisti, la prima scadenza della trasmissione sarà il 15 giugno (17 visto che il 15 è sabato). Di conseguenza per questi diventa più facile che l’eventuale rimborso spettante arrivi nel mese di luglio per chi prende lo stipendio in anticipo rispetto alla mensilità di lavoro o ad agosto per chi lo riceve posticipato. Per i contribuenti invece che non hanno un sostituto di imposta (colf, badanti, domestici, disoccupati e così via) il rimborso spettante arriva direttamente dall’Agenzia delle Entrate. Ed arriva entro dicembre per i contribuenti che hanno indicato un IBAN del conto corrente dove riceverli. Oppure a marzo dell’anno venturo per chi sceglie la via del bonifico domiciliato.

Impostazioni privacy