Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Le azioni ERG si confermano tra le più deboli del Ftse Mib

Foto dell'autore

Marco Calindri

Le azioni ERG hanno chiuso la scorsa settimana con una delle peggiori performance del Ftse Mib dopo che erano scattate al rialzo a seguito di rumors. Di fatto la situazione rimane molto incerta, complice anche il momento del settore utilities che sta sottoperformando l’indice.

Perché le azioni ERG erano scattate al rialzo?

ERG è salita stimolata dall’interesse dei fondi d’investimento per i titoli dell’energia rinnovabile. Questo rialzo è attribuibile anche all’operazione di M&A del fondo Brookfield per la società francese di rinnovabili Neoen. Brookfield lancerà un’offerta per il 53% di Neoen a 39,85 € per azione, per un totale di 6 miliardi di euro. Le azioni di Neoen sono aumentate del 48% negli ultimi tre mesi e del 17% nell’ultimo anno. L’operazione di Brookfield è una delle più costose nel settore delle rinnovabili recentemente. Altre operazioni significative includono l’offerta di Kkr per la tedesca Encavis per 2,8 miliardi di euro e l’acquisizione di Atlantica Sustainable Infrastructure da parte di Energy Capital Partners per 2,6 miliardi di dollari (2,4 miliardi di euro). Inoltre, l’italiana Energy ha acquistato Enermore, valutata a 2,2 milioni di euro, dalla holding tedesca Natural Resources Holding. Queste manovre indicano un forte interesse e investimento nel settore delle energie rinnovabili, contribuendo al rialzo delle azioni di ERG.

Le raccomandazioni degli analisti

Fitch Ratings ha confermato il rating “BBB-” con outlook stabile per ERG. La conferma riflette la capacità della società ligure di generare flussi di cassa prevedibili dalla produzione di energia pulita, incentivata e contrattualizzata a lungo termine. ERG beneficia della diversificazione geografica e tecnologica, con presenza in Europa, Regno Unito e Stati Uniti e investimenti in solare e batterie. Fitch riconosce anche l’impegno di ERG a mantenere un rating investment grade e un approccio selettivo alle opportunità di crescita, con una leva finanziaria netta media dei funds from operations di 4,0x, prevista a 4,3x nel 2026.

Secondo Equita, ERG è un potenziale target per operazioni di M&A, dato il progressivo disimpegno della famiglia Garrone. La San Quirico Renewables, che controlla il 62,5% di ERG, ha visto il fondo australiano IFM aumentare la propria partecipazione dal 35% al 49% ad aprile, mentre la famiglia Garrone possiede il restante 51%. Nel primo trimestre del 2023, Erg ha registrato una crescita del 15% dei ricavi in Italia, principalmente dagli impianti eolici, e un calo dell’11% all’estero. Gli investimenti sono aumentati del 19% in Italia e del 69% all’estero, soprattutto in Francia. Equita assegna un rating buy con un target price di 29 € per azione.

Considerando tutte le raccomandazioni degli ultimi tre mesi, il prezzo obiettivo medio a un anno esprime una sottovalutazione di circa il 20%.

Le azioni ERG si confermano tra le più deboli del Ftse Mib: le indicazioni dell’analisi grafica

Situazione molto incerta sul titolo che va avanti ormai da molte settimane con le quotazioni bloccate all’interno del trading range 23,75 € – 26,76 €. Solo una chiusura settimanale esterna a questo livello potrebbe favorire una ripresa della direzionalità.

Tutti gli indicatori sono impostati al rialzo sul titolo ERG
Tutti gli indicatori sono impostati al rialzo sul titolo ERG

Lettura consigliata 

L’euro crolla contro il dollaro dopo la pubblicazione dei dati nonfarm payroll

Impostazioni privacy