Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

L’Isola Tiberina nel cuore del fiume Tevere: come nasce e cosa ha rappresentato per Roma durante la guerra

Foto dell'autore

Simone Scalas

L’Isola Tiberina, situata nel cuore del fiume Tevere, è un luogo intriso di storia, leggende e curiosità che la rendono unica nel suo genere. Nonostante le sue dimensioni ridotte, questa piccola isola ha giocato un ruolo significativo nella storia di Roma, tanto da essere considerata la più piccola isola abitata al Mondo.

Le origini dell’Isola Tiberina risalgono a tempi antichissimi e nel corso dei secoli ha ospitato eventi straordinari e personaggi mitici. Secondo la leggenda, l’Isola Tiberina nacque da una massa di covoni di grano gettati nel fiume Tevere per celebrare la fine della tirannia di Tarquinio il Superbo, re di Roma nel VI secolo a.C. L’isola divenne famosa per il legame con il dio Esculapio, che scelse questo luogo per la sua residenza, portando guarigione e liberazione dalla malattia e dalla schiavitù.

L’Isola Tiberina ospita l’Ospedale Fatebenefratelli, fondato nel XVI secolo e gestito da una confraternita cristiana che si dedicava all’assistenza dei malati. Il Ponte Fabricio, noto anche come Ponte delle Quattro Teste, collega l’isola al Ghetto Ebraico di Roma, e la sua storia è intrisa di mistero. L’isola era sede della Colonna Infame, dove venivano esposti gli elenchi dei fuorilegge, e ha subito numerose inondazioni nel corso della sua storia.

Una tappa imperdibile per i turisti

L’Isola Tiberina nel cuore del fiume Tevere, oltre alla presenza dell’Ospedale e del Tempio di Esculapio, conserva due segreti. Sull’isola si narra di un miracolo legato a una palla di cannone che si fermò davanti all’altare di una chiesa senza causare vittime. Mentre un monaco fondava uno studio dentistico nel 1868, eseguendo estrazioni senza l’uso del forcipe anche di fronte a personaggi illustri dell’epoca. Questi e altri fatti hanno trasformato l’isola in un posto iconico.

Durante l’estate, l’Isola Tiberina si trasforma in un cinema all’aperto, offrendo eventi culturali e divertimento per cittadini e turisti. Con la sua varietà di ristoranti, trattorie e bar, si crea un’atmosfera davvero unica che permette di fuggire dal caos della città. Per raggiungere questa suggestiva oasi sul Tevere è possibile utilizzare i mezzi pubblici da diverse parti di Roma. Come la Stazione Termini o Trastevere, oppure percorrere una piacevole passeggiata lungo il fiume. Grazie alla sua posizione centrale e al suo fascino unico, l’Isola Tiberina rappresenta una tappa imperdibile per chiunque visiti la capitale italiana.

L’isola Tiberina nel cuore del fiume Tevere, il periodo della guerra

L’Isola Tiberina è un luogo che continua a vivere nel tessuto urbano di Roma, offrendo non solo una ricca storia da esplorare, ma anche opportunità moderne di intrattenimento e relax. Ogni angolo racconta una storia, sia essa leggendaria o contemporanea, e camminare lungo le sue strette strade è un viaggio attraverso i secoli di evoluzione della città eterna. Si tratta di un reale e unico connubio tra passato e presente, un’esperienza indimenticabile per coloro che la visitano.

L’Isola Tiberina rappresenta per la città di Roma un simbolo di continuità storica e di resilienza. Essendo situata nel centro del fiume Tevere, è stata strategicamente importante durante i conflitti. Durante la Seconda Guerra Mondiale, per esempio, il fiume Tevere rappresentava un ostacolo naturale per l’avanzata delle truppe nemiche. L’Isola Tiberina era un punto di controllo cruciale lungo il corso del fiume. Durante i bombardamenti e gli attacchi aerei su Roma, l’isola ha fornito rifugio e protezione per i residenti e i feriti. Gli ospedali hanno svolto un ruolo importante nel fornire assistenza medica alle vittime dei bombardamenti e ai soldati feriti. Durante la guerra, l’Isola Tiberina è stata un passaggio sicuro per i civili e i soldati in fuga o in cerca di riparo. Trovandosi nel mezzo del fiume, era relativamente protetta dagli attacchi diretti e poteva servire da luogo di transito per coloro che cercavano di raggiungere zone più sicure. L’Isola Tiberina è stata anche un centro di resistenza e solidarietà durante la guerra. Gli abitanti e il personale medico degli ospedali hanno lavorato instancabilmente per soccorrere le vittime dei bombardamenti e per fornire assistenza agli sfollati e coloro che stavano male e soffrivano.

Impostazioni privacy