Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Le nozze si avvicinano? Queste 3 tradizioni di buon augurio puoi adottarle anche tu

Foto dell'autore

Maria Zarbo

Quando si deve compiere un’impresa importante si curano tutti i particolari. L’ideale sarebbe organizzarsi in tempo, anche qualche settimana o mese prima dell’evento. In special modo se si decide di sposarsi i giorni sembrano volare veloci. La lista delle cose da fare in questo caso è molto lunga. Pensiamo ad esempio alla ricerca dell’abito adatto, alla scelta delle bomboniere, del ristorante e così via. Ci sono dei particolari da curare e anche dei riti che si tramandano da secoli. Eccone alcuni.

L’abito nuziale delle giovani spose dell’antica Roma sembra che fosse semplice, una tunica bianca. Il particolare era la cintura in vita che presentava il nodo erculeo. Questo doveva essere sciolto solo dal marito dopo le nozze. Sopra sembra che la donna indossasse una sopravveste color zafferano e sul viso un velo. Niente bouquet in mano, ma troviamo ad adornare il capo della sposa una coroncina. Questa era composta di solito di fiori di arancio e mirto.

Le nozze si avvicinano? Queste 3 tradizioni di buon augurio sono ancora attuali

L’uso del mirto presso Greci e Romani era dovuto al culto di Afrodite. Secondo il mito dopo la sua nascita dalla schiuma del mare la dea si rifugiò dietro a un cespuglio di quella pianta. Il mirto quindi legato a Venere simboleggia bellezza, amore, fecondità, protezione. Le sue proprietà tuttora sono sfruttate in erboristeria. Il mirto è legato pure ad Elisabetta II. Sembra che fosse presente nel suo bouquet nuziale. Alla sua morte il figlio Carlo ha posto sulla sua bara rametti di piante provenienti da alcune tenute della famiglia, tra cui proprio il mirto.

Qualcosa di blu

Tra i riti legati alle nozze, perché la sposa deve indossare qualcosa di blu? Sembrerebbe una tradizione di origine ebraica passata poi a quella cristiana. Una fascia blu indossata sull’abito nuziale rappresentava infatti tutto ciò che si richiedeva in quel rito, amore, fedeltà nel matrimonio e purezza. Ancora adesso la vediamo in molti dipinti e statue raffiguranti Maria, madre di Gesù. Un altro rito particolare legato al matrimonio coinvolge lo sposo. Alcuni, infatti, prima di entrare per la prima volta in casa dopo le nozze, sollevano in braccio la sposa. Le origini ancora una volta verrebbero fatte risalire all’antica Roma. Alcuni studiosi pensano sia un ricordo del Ratto delle Sabine. Tra le altre probabili spiegazioni si credeva che sulla soglia ci fossero spiriti maligni che volevano superare la soglia attaccati ai piedi della ragazza. A parte queste supposizioni, il gesto è romantico.
Le nozze si avvicinano? Queste 3 tradizioni di buon augurio sono molto antiche e semplici da seguire. Basterebbero quindi un rametto di mirto nel bouquet, una giarrettiera blu e uno sforzo muscolare da parte del novello sposo!

Impostazioni privacy