Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Cosa lega Albert Einstein a Ugo Foscolo? Tutte le curiosità sullo scienziato che donò il suo cervello

Foto dell'autore

Grazia Luprano

Un grande genio del XX secolo, Albert Einstein è stato un fisico e un matematico con delle capacità fuori dal comune. Ma chi era davvero? Ecco alcune curiosità sullo scienziato vincitore del Premio Nobel.

Probabilmente è stato lo scienziato più importante del XX secolo, capace di dare fondamentali contributi in diversi ambiti e settori. Eppure, Albert Einstein imparò a leggere solamente a 9 anni.

Scambiava le lettere, i numeri e componeva delle frasi incomplete. Naturalmente all’epoca, la dislessia non si conosceva e quindi venne etichettato come un bambino poco intelligente. I voti più bassi erano soprattutto nelle materie umanistiche.

Ma il Mondo non sapeva che lui sarebbe diventato un grande e immenso genio. Nell’anno della sua nascita (1879) venne a mancare James Clerk Maxwell, un matematico e fisico scozzese. Questa coincidenza è stata interpretata, da molti, come un passaggio di testimone.

Conosci queste curiosità su Albert Einstein? Dal Premio Nobel alla bicicletta

Nel 1921, Albert ottenne il Premio Nobel per la Fisica per la spiegazione dell’effetto fotoelettrico. Un genio che non prese mai la patente ma che amava andare in bicicletta. Infatti, diceva che aveva concepito le sue migliori teorie proprio mentre pedalava. Albert Einstein amava anche camminare e andare in barca a vela. Era un appassionato di arte, di Mozart e suonava il violino. Un’altra curiosità. Lo scienziato lasciò in eredità il suo cervello ad alcune università americane, affinché potessero studiarlo. Cosa si è scoperto? Il suo cervello aveva le stesse dimensioni degli altri, ma si è scoperta una particolarità. I lobi parietali, lì dove hanno sede le facoltà del linguaggio, quelle matematiche e musicali, erano più grandi del normale del 15%. Questo potrebbe spiegare le sue doti eccezionali?

Molti non sanno cosa lega Albert Einstein a Ugo Foscolo

Sappiamo che Albert Einstein è nato in Germania, ma trascorse una parte della sua vita in Italia (dal 1895 al 1905) e imparò molto bene la nostra lingua. Nel 1894 suo padre fondò le Officine elettrotecniche Nazionali Einstein-Garrone a Pavia. Ma pochi sanno, che proprio a Pavia, tutta la famiglia dello scienziato visse a Palazzo Cornazzani: una meravigliosa villa affrescata con un gradevole porticato. Cosa ha di eccezionale questa villa? Era l’antica dimora del poeta e scrittore italiano Ugo Foscolo. Come ha sempre affermato, nella nostra penisola, Albert ha trascorso degli anni meravigliosi. Aveva solo 16 anni e proprio in Italia, lo scienziato scrisse il suo primo articolo scientifico.

Impostazioni privacy