Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Come fanno i giapponesi a innaffiare le piante da interno: tecniche e significato dell’approccio olistico

Foto dell'autore

Simone Scalas

In Giappone si cerca di creare modelli di vita in cui la connessione con la natura sia ancora profonda. Questa filosofia si basa sull’attenzione che dovrebbe essere rivolta a tutte le cose e alle persone. E quando si parla di piante l’approccio diventa ancora più radicale.

Nel mondo del giardinaggio, innaffiare le piante è un’arte antica. Porta alla connessione tra uomo e natura e permette il rispetto dell’equilibrio naturale all’interno dell’ambiente domestico. I giapponesi partono sempre dalla selezione delle piante che dovrebbero dare armonia alla casa. Capacità di adattamento e proprietà benefiche sono gli elementi considerati, molte piante tipiche del Giappone hanno queste caratteristiche. I bonsai, cioè le piante in miniatura, le orchidee, i fiori di ciliegio o Sakura. Le azalee e i bamboo e gli alberi da frutto bonsai. Queste le scelte per avere interni variegati e sempre profumati.

I giapponesi controllano attentamente il terriccio dei contenitori o il terreno del giardino a cui danno una cura maniacale. Sanno alla perfezione quali sono le esigenze idriche e le rispettano al massimo. Sanno che un errore in questi caso potrebbe danneggiare le radici e rovinare piante e ambiente, interno o esterno che sia. Fuori casa gli irrigatori sono tarati per mantenere un giusto equilibrio tra umidità e asciutto. Un terreno costantemente bagnato, come uno sempre secco, crea problemi alle piante.

Alcuni segreti sono conservati nelle stesse piante

Come fanno i giapponesi a innaffiare le piante da interno? Utilizzano l’approccio olistico. Di cosa si tratta? La filosofia è quella di creare una connessione con la natura che sia più profonda possibile, costruttiva e benefica per entrambe le parti. Si pensa alla salute delle piante, perché da questo dipende la salute della casa e delle persone che ci vivono. Si cerca di soddisfare tutte le esigenze delle piante, si provvede a una irrigazione oculata e si cerca di prevenire problemi e malattie.

Facile dirsi ma più difficile da farsi. Quali sono i loro esatti comportamenti? Provvedono a colture igieniche, rimuovendo costantemente foglie e rami morti o malati. Combattono quotidianamente le malattie fungine e batteriche con prodotti naturali. I loro segreti sono il Kombucha, bevanda a base di tè con cui alimentano le piante. Olio di neem che tiene lontani i parassiti. Aceto di riso spruzzato sulle foglie per prevenire la diffusione dei funghi.

Come fanno i giapponesi a innaffiare le piante da interno senza farle ammalare

Oltre alle colture igieniche, i giapponesi sono abili nelle pratiche di potatura e nella rotazione delle colture. La potatura va fatta periodicamente, ogni volta che si presentano malattie per i rami. Evitare la diffusione è la prima regola. La rotazione invece riguarda gli esterni e l’obiettivo è quello di evitare l’esaurimento del suolo. È necessario far crescere piante che coprano il terreno, si tratta di coltivazione cover crop. Leguminose e graminacee aiutano a proteggere il terreno che verrà utilizzato stagionalmente per le coltivazioni principali.

Anche negli interni provvedono a una rotazione continua delle piante. Il motivo è la luce. I giapponesi sanno che le piante devono ricevere la luce giusta per crescere correttamente. Quantità e qualità vengono garantite. Più che alle luci artificiali, preferiscono pensare al gioco di luce e ombra naturali. Questo avviene creando ombre con piante più resistenti come ficus, dracena, palma e pothos. Le piante vengono aiutate dalle particolari persiane che si chiamano Sudare o Sudare shoji, tradizionali pannelli di legno o carta traslucida inerita in cornici scorrevoli. Ombra e luce in questo modo sono determinate al millesimo per proteggere le piante più delicate che aiutano l’ambiente domestico a essere confortevole e salutare.

Impostazioni privacy