Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Il Ftse Mib potrebbe essere pronto ad aggiornare i massimi degli ultimi 16 anni

Foto dell'autore

Marco Calindri

La settimana appena conclusasi ha visto la pubblicazione delle trimestrali di alcune importanti società del Ftse Mib. Le indicazioni arrivate sono state positive e l’indice ne ha tratto giovamento. Tanto che potrebbe andare ad aggiornare i massimi degli ultimi 16 anni.

Il commento alla settimana del Ftse Mib

Al termine di una settimana che ha guardato con un’attenzione particolare rivolta alla stagione delle trimestrali la Borsa di Milano ha registrato una crescita dell’indice Ftse Mib del 2,9%i. Le società del Ftse Mib, comprese le principali banche come Unicredit e Banco BPM, hanno reso noti i risultati del primo trimestre, che nel complesso hanno fornito indicazioni positive.

Tra i migliori titoli della settimana, Nexi ha registrato un aumento del 11,5% dopo aver annunciato i risultati trimestrali, confermato le prospettive per il 2024 e avviato un buyback di azioni proprie fino a 500 milioni di euro. Anche Prysmian ha guadagnato l’8,7%, nonostante una diminuzione dei ricavi del 5,6%, grazie a un miglioramento dell’utile netto.

Amplifon (+9,3%), Mediobanca (+7,2%) ed Enel (+8,1%) hanno anch’essi registrato performance positive, con Enel che ha annunciato la vendita delle partecipazioni in società di generazione elettrica in Perù per 1,3 miliardi di dollari. Gli analisti mantengono un giudizio positivo su Enel, con 22 buy, 5 hold e nessun sell sul titolo, e un target price medio a 7,55 €.

Il titolo peggiore della settimana è stato Ferrari, che ha registrato una perdita del 6,2% dopo la pubblicazione dei risultati trimestrali, nonostante utili e ricavi in aumento, ma inferiori alle aspettative del mercato. Enel ha superato Ferrari come principale società per capitalizzazione del Ftse Mib, con una capitalizzazione di mercato superiore a 68 miliardi di euro.

Il Ftse Mib potrebbe essere pronto ad aggiornare i massimi degli ultimi 16 anni: le indicazioni dell’analisi grafica

La chiusura di venerdì 10 maggio è stata una delle più alte degli ultimi anni. In particolare, sul Ftse Mib Future è stata rotta al rialzo la resistenza in area 34.328 che potrebbe aprire le porte a una continuazione del rialzo secondo lo scenario mostrato in figura.

Un segnale di debolezza potrebbe arrivare solo da una chiusura settimanale inferiore a 32.220.

Tutti gli indicatori sono impostati al rialzo sul Ftse Mib Future
Tutti gli indicatori sono impostati al rialzo sul Ftse Mib Future

Lettura consigliata 

Quanto guadagnerà in 1 anno chi ha investito i soldi sul Buono Ordinario del Tesoro del 12 maggio?

Impostazioni privacy