Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Uccideteli tutti, dice l’ebreo 95enne

Foto dell'autore

Gianluca Merla

Il video dell’anziano ha fatto il giro del mondo, così come le sue parole cariche di odio e di violenza

Non sembra poterci essere molto spazio per un eventuale riavvicinamento tra il popolo israeliano e quello palestinese.

Uccideteli tutti, dice l'ebreo 95enne
Un uomo di 95 anni si è arruolato (ansa) – L’intelletualedissidente.it

Dopo le atrocità commesse nella mattinata di sabato 8 ottobre dalle milizie di Hamas, il conflitto tra israeliani e palestinesi è esploso nuovamente. Se c’è ancora chi cerca delle possibili soluzioni diplomatiche, emerge chi vuole la cancellazione assoluta del “nemico”. In un video diffuso in questi giorni, un 95enne ebreo si è ri-arruolato e ha chiesto di uccidere tutti i palestinesi.

L’ebreo di 95 anni che si è arruolato di nuovo nell’esercito

Si tratta del riservista più anziano di sempre nell’esercito israeliano. Tra le forze dell’ IDF, infatti, milita ora un vero veterano dell’esercito mediorientale. Nato a Gerusalemme, aveva già prestato servizio quando era giovane e si unì alle file della Lehi, un’organizzazione paramilitare allora segreta che lottava per l’indipendenza di Israele. Il 95enne è stato protagonista di un video che ha fatto immediatamente il giro del mondo, soprattutto per via delle parole – cariche di odio – usate contro i Palestinesi.

“Cancellateli tutti – dice arrabbiato l’uomo mentre indossa l’uniforme dell’esercito – cancellate le loro madri e i loro figli. Questi animali non possono sopravvivere. Cancellate la loro memoria”. Parole cariche di disumanità, ma che trovano una loro origine nel passato di Ezra Yachin, questo il nome dell’uomo. Il 95enne aveva infatti fatto parte di un gruppo paramilitare segreto che si macchiò di incredibili  massacri e crimini, proprio negli anni precedenti alla formazione dello Stato di Israele. “Non lasciate nessuno indietro” ha detto Yachin. L’uomo non sarà coinvolto direttamente nelle battaglie, ma pare che il suo ruolo sia proprio quello di motivare le truppe.

“Non ci sono più scuse” ha detto l’uomo aggiungendo che gli Hezbollah hanno attaccato con dei razzi e potrebbero proseguire con gli attacchi aerei. “Gli arabi qui potrebbero attaccarci”. Secondo Yacin tutti gli ebrei dovrebbero avere un’arma ed uscire ad uccidere un arabo. Parole forti, ma che si addicono ad un uomo che ha fatto parte di un gruppo militare accusato di aver compiuto numerose stragi tra i civili arabi. Il 95 ha motivato i soldati dicendo che saranno testimoni di “cose che non abbiamo mai sognato”, aggiungendo che sia meglio sganciare bombe su tutti i civili, in modo che vengano cancellati. Poi il rimando ai testi biblici “Tutte le profezie inviate dai profeti stanno per avverarsi”.

Impostazioni privacy