Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Matteo e Giulia in viaggio di nozze a New York. Lei ora rischia di morire

Foto dell'autore

Gianluca Merla

I due giovani erano in viaggio di nozze a News York, ma ora la povera Giulia rischia di morire per via di un incidente

Doveva essere un viaggio indimenticabile, ma alla fine si è trasformato in un incubo che sembra non poter finire ancora.

Giulia rischia di morire
Giulia e Matteo erano in viaggio di nozze, ma in poco tempo si è trasformato in un incubo (Credits foto: La voce di New York) – L’intellettualedissidente.it

Il viaggio di nozze di Matteo e Giulia, che dopo essersi sposati hanno deciso di visitare gli Stati Uniti, ha avuto un epilogo tanto disatteso quanto violento. Durante la loro visita a New York, infatti, entrambi sono stati coinvolti da un grave incidente causato da una donna. L’automobilista alla guida ha infatti travolto alcune persone che stavano passeggiando per strada che non hanno avuto possibilità di scappare. Ora infatti Giulia rischia di morire.

Giulia rischia di morire dopo l’incidente a New York

Il giorno più bello della propria vita è spesso seguito da alcune esperienze altrettanto belle e meravigliose. Non possono dire la stessa, purtroppo, Matteo Maj, grafico 51enne piacentino, e Giulia Gardani, 34enne istruttrice federale di tennis di Spinadesco. La coppia si era sposata da poco e i due avevano deciso di recarsi negli Stati Uniti per il viaggio di nozze. Un’esperienza meravigliosa e unica che si sarebbe conclusa con l’ultima tappa: New York. Ma purtroppo Giulia ha rischiato davvero che fosse la sua ultima esperienza.

Giulia rischia di morire
La coppia è stata travolta da un’auto mentre passeggiava a New York (Credits foto: Ansa) – L’intellettualedissidente.it

Tutto è successo nella giornata di lunedì 21 agosto, quando i due ragazzi stavano visitando la città. Proprio mentre camminavano nella zona più famosa della metropoli, Times Square, sono stati falciati da un’auto che ha travolto alcuni pedoni mentre procedeva all’impazzata. Alla guida del veicolo una donna di 29 anni che ha travolto sette persone che in quel momento stavano passeggiando sul marciapiedi. Due di questi erano i giovani italiani. Se per il 51enne piacentino le conseguenze sono state “solo” quelle di una frattura del naso, per la giovane Giulia le condizioni sono apparse subito molto serie, tanto da richiedere il trasporto di urgenza in ospedale.

La donna è stata infatti trasportata nella struttura sanitaria già in gravi condizioni e i medici hanno immediatamente deciso di sottoporre la 34enne ad un delicato e lungo intervento chirurgico alle vertebre cervicali. I chirurghi le hanno applicato alcune placche nella parte superiore della colonna vertebrale, in modo che possa mantenere intatta la struttura ossea. Fortunatamente, l’intervento è riuscito ma i medici, seppur avendo dichiarato di essere ottimisti, non si sbilanciano. In questo momento Giulia è ricoverata nel reparto di terapia intensiva ma, secondo quanto si apprende, non avrebbe necessità di macchinari per respirare.

L’incidente e l’ipotesi terrorismo

Subito dopo l’episodio c’è chi ha pensato al peggio. Un’automobile su una folla in pieno centro a New York, purtroppo, sembra una sceneggiatura drammatica già scritta. Ma a quanto pare, dopo attente valutazioni, le autorità newyorkesi hanno accertato l’esclusione della possibilità di un attentato terroristico. La polizia americana ha infatti arrestato Imani Lucas dopo aver effettuato un lungo inseguimento nella notte, ma tutto fa pensare che non ci sia una matrice terroristica.

La 29enne è risultata negativa sia ai test di droga che a quelli che rilevano tracce di alcol nel sangue. Tuttavia, secondo quanto si apprende la donna avrebbe problemi mentali. Nello specifico, La donna soffrirebbe di un disturbo bipolare che altererebbe la sua percezione della realtà. Secondo una prima ricostruzione, infatti, poco prima di investire i pedoni, la donna avrebbe riferito alla madre per telefono che stava sentendo “voci che le parlavano”.

Impostazioni privacy