Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Israele nega i visti all’Onu

Foto dell'autore

Gianluca Merla

Continua lo scontro a distanza con l’Organizzazione delle Nazioni Unite. E ora Israele nega i visti ai funzionari Onu

Non si placano le polemiche che hanno visto lo scontro – tutt’ora in corso – tra il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres e gli esponenti del governo israeliano.

Israele nega i visti all'Onu
Israele ha vietato i visti ai funzionari Onu (ansa) – L’intellettualedissidente.it

Uno scontro verbale e diplomatico che è destinato a durare, se non addirittura ad inasprirsi ancora di più viste l’impossibilità di entrambi di voler fare un passo indietro. A questo punto, infatti, Israele ha deciso di negare i visti ai funzionari Onu che vorranno fare visita ad Israele.

Una lotta senza tregua

L’Organizzazione delle Nazioni Unite e Israele sono sempre più distanti. Si tratta di un’ironia tragica – dato che fu proprio una scelta unanime delle Nazioni Unite ad approvare la risoluzione che attuò lo storico Piano di ripartizione della Palestina. I diplomatici di Tel Aviv sono infatti ai ferri corti per via delle parole del segretario generale durante l’avvio della riunione speciale Onu per affrontare il tema della guerra in Medio Oriente. In occasione dell’incontro, Guterres aveva affermato che l’attacco di Hamas non veniva dal nulla e che affonda le sue radici nel fatto che “il popolo palestinese è stato sottoposto a 56 anni di soffocante occupazione“.

Israele nega i visti all'Onu
I funzionari israeliani non hanno accettato le critiche di Guterres (ansa) – L’intelelttualedissidente.it

Dopo le polemiche che ha scatenato questa frase, Guterres aveva rincarato la dose dicendo che Israele non poteva giustificare “la punizione collettiva del popolo palestinese” con gli attacchi “terribili” di Hamas. Insomma, una bacchetta pubblica che ad Israele non è piaciuta per nulla, tanto da annullare tutti gli incontri previsti in giornata. La tensione non si è affatto allentata, visto che l’ambasciatore israeliano presso le Nazioni Unite ha annunciato che Israele negherà il visto di ingresso ai funzionari dell’Onu. “Negheremo il rilascio dei visti ai rappresentati Onu – ha detto – Così come abbiamo già rifiutato il visto al sottosegretario per gli affari umanitari Martin Griffiths”.

L’ambasciatore israeliano ha inoltre rincarato la dose, dicendo che “è arrivato il tempo di dare loro una lezione”, chiedendo inoltre le dimissioni del segretario. Secondo gli esponenti israeliani, con quelle parole Guterres avrebbe espresso comprensione verso gli attacchi terroristici di Hamas, in parte giustificandoli. Il segretario generale aveva inoltre indicato le azioni militari israeliane come chiara “violazione del diritto umanitario internazionale”. Ma in un post pubblicato su X, Guterres ha provato a metterci una pezza, dichiarando che non giustifica affatto gli attacchi di Hamas su Israele. “È falso sostenere che io abbia giustificato gli attacchi terroristici di Hamas – ha poi aggiunto in un’ulteriore dichiarazione – ho detto che niente può giustificare l’uccisione o il rapimento di civili”.

Impostazioni privacy