Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Se un condomino del tuo stabile ha abbattuto un muro portante sei a rischio e vieni risarcito

Foto dell'autore

Daniele Orlandi

Come bisogna comportarsi qualora il muro portante di un appartamento sia stato abbattuto da un condomino. Cosa prevede la legge

Quando si decide di dare il via a lavori di ristrutturazione in un appartamento essi possono prevedere anche la demolizione di pareti per ampliare o modificare gli spazi. Ma cosa accade, e cosa prevede la legge, qualora venga demolita una parete portante?

Abbattimento parete portante nel condominio: è possibile?
La procedura per demolire una parete portante di un appartamento (lintellettualedissidente.it)

Si tratta di un elemento strutturale molto importante che potrebbe comportare conseguenze potenzialmente serie per ciò che riguarda la stabilità dell’edificio e quindi sulla sua sicurezza. Pertanto ciò che in tanti si chiedono e se in questi casi sia previsto l’obbligo di un’azione risarcitoria da parte del condomino stesso e quali siano le sue responsabilità in merito.

Abbattimento di una parete portante in un condominio, cosa prevede la legge

Un ‘caso tipo’ può essere quello di un condomino che decide di abbattere, senza comunicare al condominio alcunché, un muro portante per poter creare un ampio locale da alcuni magazzini ubicati al piano terra. Ebbene in questo caso vi è già un errore procedurale in quanto ai sensi dell’articolo 1117 del codice civile, anche qualora dovessero insistere all’interno di un appartamento privato, i muri portanti sono sempre di proprietà condominiale. In secondo luogo occorre sempre informare l’amministratore di condominio prima di avviare nel proprio appartamento lavori edili.

Opere murarie, la procedura da seguire
Demolizione parete portante, quando il condominio può chiedere il risarcimento danni (lintellettualedissidente.it / fonte ansa)

Vi è la possibilità di coinvolgere anche le parti comuni dell’edificio nell’ambito di tali lavori ma l’opera non deve compromettere la stabilità del condominio. Quando si deve intervenire sulla parete portante dunque prima di tutto bisogna comunicarlo all’amministratore il quale a sua volta lo comunicherà all’assemblea di condominio e in secondo luogo dovrà essere un tecnico a dare il via libera per poter procedere con l’intervento.

Solo in caso la stabilità dell’intero edificio non venga compromessa si potrà effettuare, altrimenti non verrà autorizzato. Non finisce qui perché è necessario presentare anche la SCIA o un permesso di costruire al Comune, una pratica edilizia necessaria.

Ne deriva che lavori effettuati senza queste pre condizioni renderanno, nel caso di abbattimento di pareti portanti, il condomino responsabile ed egli sarà tenuto a risarcire il condominio come stabilito dal Codice Civile e da una recente sentenza, la numero 2703/2023 del Tribunale di Torino.

Il condominio dal canto suo potrà effettuare segnalazione sia alla pulizia municipale che ai carabinieri al fine di portare all’interruzione dell’attività. Contestualmente andrà avviato un giudizio d’urgenza in tribunale per fermare i lavori. Il tribunale dovrà anche ordinare il ripristino delle pareti portanti demolite. È poi prevista la richiesta di risarcimento danni al responsabile.

Impostazioni privacy