Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Vorresti produrre meno plastica, ma non sai come fare? Ecco 3 alternative da considerare per i tuoi pasti

Foto dell'autore

Elena De Felice

La plastica è ovunque, e ognuno di noi ne produce tanta ogni giorno. Ma come possiamo aiutare, nel nostro piccolo, il pianeta? Partendo da questi 3 sostituti molto validi.

La consapevolezza riguardo l’impatto ambientale della plastica è ormai diffusa e ben documentata. Questo materiale, all’apparenza innocuo perché leggero e versatile, è diventato quasi indispensabile nella vita quotidiana, specialmente per ciò che riguarda il confezionamento di alcuni prodotti monouso. Detto questo, il rispetto per l’ambiente impone di interrogarci su come possiamo ridurre questo consumo apparentemente inevitabile. Fortunatamente, infatti, esistono soluzioni pratiche che ci permettono di ridurre drasticamente dalla nostra quotidianità la plastica. Esploriamo, quindi, tre alternative sostenibili che possono fare la differenza, iniziando proprio dal cuore della casa: la cucina.

Vorresti produrre meno plastica, ma fai fatica a sostituire i contenitori monouso? Inizia da queste 3 piccole rivoluzioni

Una dei primi momenti in cui possiamo facilmente ridurre l’uso della plastica è durante i pasti. Le stoviglie di plastica, spesso utilizzate per comodità, sono tra i principali colpevoli in termini di inquinamento plastico. Un’alternativa eccellente è rappresentata dalle stoviglie compostabili o biodegradabili. Prodotti come piatti, bicchieri e posate realizzati in materiali come il bambù, l’amido di mais o la fibra di canna da zucchero, non solo sono robusti e funzionali, ma offrono anche il vantaggio di un impatto ambientale notevolmente inferiore rispetto a quello tradizionale. Queste stoviglie possono decomporsi naturalmente in un periodo di tempo minore (una volta smaltite correttamente), permettendo, quindi, di ridurre significativamente la quantità di rifiuti che finiscono in discarica o, peggio, nei nostri oceani.

Detersivi alla spina

Vorresti produrre meno plastica, ma coi detersivi ne crei tantissima? In questo caso, i detersivi alla spina sono la soluzione giusta per te. Questi, così come i detersivi fai da te, rappresentano una scelta ecologica e sostenibile per la pulizia quotidiana. Acquistandoli in negozi specializzati, si possono riutilizzare gli stessi contenitori più volte, riducendo così la produzione di rifiuti plastici. Questa pratica non solo diminuisce l’impatto ambientale legato alla produzione e allo smaltimento della plastica, ma spesso permette anche di risparmiare denaro. I consumatori possono acquistare esattamente la quantità di prodotto di cui hanno bisogno, evitando sprechi. Inoltre, molti detersivi alla spina sono formulati con ingredienti meno aggressivi e più naturali, rendendoli più delicati per l’ambiente. Questa opzione è cresciuta in popolarità grazie alla crescente consapevolezza ambientale e alla disponibilità nei negozi eco-friendly.

Scegliere prodotti con imballaggi sostenibili

Infine, anche fare scelte consapevoli durante la spesa può fare una grande differenza. Optare per prodotti con imballaggi sostenibili o addirittura senza imballaggio riduce significativamente la domanda di plastica monouso. Molti negozi offrono opzioni sfuse per alimenti come cereali, legumi, frutta secca e spezie, che possono essere trasportati e conservati in contenitori riutilizzabili portati da casa. Questo non solo aiuta a ridurre i rifiuti, ma spesso si traduce anche in un risparmio economico.

Impostazioni privacy