Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Tra i lavoretti da fare nel prato c’è anche quest’attività che molti purtroppo sottovalutano

Foto dell'autore

Daniele Pisacane

Avere un prato curato e ordinato non è solo una questione di estetica. Ma è una prerogativa fondamentale per la salute dell’ambiente domestico esterno e per il benessere delle piante e del terreno che lo compongono. Un prato ben tenuto è il risultato di costante dedizione e di una serie di lavori di manutenzione che vanno ben oltre la semplice falciatura e irrigazione. In questo articolo sveleremo quali sono le principali attenzione da riservare ad un prato per mantenerlo in salute e rigoglioso.

Tra i lavoretti da fare nel prato c’è anche quest’attività che molti purtroppo sottovalutano

Come abbiamo accennato pocanzi, mantenere un prato pulito e ordinato non migliora solo l’aspetto estetico dell’abitazione, ma favorisce anche la biodiversità e previene l’erosione del suolo.
La manutenzione del prato, tuttavia, richiede un’attenzione particolare e una serie di lavori di pulizia che sono essenziali per mantenerne la bellezza e la salute. Primo fra tutti, è fondamentale la rimozione delle erbacce. Queste ultime, infatti, competono con l’erba per spazio, luce, acqua e nutrienti, compromettendo la densità e l’omogeneità del manto erboso. In questo caso, converrebbe utilizzare strumenti specifici come estrattori manuali, o prodotti erbicidi selettivi può essere efficace, purché si faccia attenzione a non danneggiare l’erba sana.
Anche la scarificazione è uno tra i lavoretti da fare nel prato. Quest’attività consiste nell’asportazione del feltro erboso (uno strato di radici morte, erba e muschio), per permettere al terreno di respirare, migliorando l’assorbimento di acqua e nutrienti. Questo lavoro si effettua principalmente in primavera, quindi sarà importante attrezzarsi in tempo.

Tra i lavoretti da fare nel prato c’è anche l’eliminazione delle foglie secche! Ecco perché

Un aspetto che molti sottovalutano, ma che in realtà è importantissimo, è l’eliminazione delle foglie secche che si accumulano sul prato durante l’autunno. Anche se possono sembrare un innocuo tappeto naturale, in realtà esse rappresentano una minaccia per la salute e la bellezza del manto erboso. Se non rimosse tempestivamente, esse possono soffocare l’erba, impedendo il passaggio della luce e dell’aria e favorendo l’umidità stagnante. L’ambiente che si crea, in questo modo, è un ambiente ideale per lo sviluppo di malattie fungine e per la proliferazione di insetti dannosi per il prato. In pratica, è come quello che accade con i ciclami quando li innaffiamo troppo.
Uno strato spesso di foglie, inoltre, impedisce il corretto scambio gassoso tra il suolo e l’atmosfera, limitando la respirazione delle radici. Questa condizione può portare a un indebolimento generale dell’erba, che diventa più suscettibile a malattie e stress ambientali. L’accumulo di foglie può anche favorire la comparsa del muschio, soprattutto in zone ombreggiate e umide, dove l’erba fatica a competere. Il muschio, sebbene possa apparire decorativo, in realtà impoverisce ulteriormente il prato, sottraendo spazio e nutrienti all’erba. Per questi motivi, è fondamentale raccogliere regolarmente le foglie secche, utilizzando rastrelli morbidi per non danneggiare l’erba o soffiatori a batteria, che permettono di effettuare il lavoro rapidamente e senza fatica.

Impostazioni privacy