Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Tira fuori il poeta che c’è in te: tre indizi per indovinare un capolavoro in 30 secondi

Foto dell'autore

Claudio Rossi

Si tratta di una delle poesie più amate, anche dagli studenti. A scriverla, un fuoriclasse della letteratura italiana: l’avete riconosciuta?

È una delle poesie più intense della letteratura italiana. Scritta a Milano tra la fine del 1802 e l’inizio del 1803, riflette profondamente sul tema della morte e della transitorietà della vita. Avete riconosciuto questo componimento iconico dai primi indizi che vi abbiamo dato?

A Zacinto, poesia misteriosa
Avete riconosciuto questa famosissima poesia dagli indizi? – (lintellettualedissidente.it)

La poesia si apre con un’invocazione a Venere, la dea dell’amore e della bellezza, simboleggiando la speranza e la vitalità che emergono dalla contemplazione della natura. Parole che sono un vero e proprio affresco del luogo cantato, così amato, ricordato vividamente, ma forse impossibile ormai da rivedere. Il poeta, uno dei più grandi della storia, utilizza una prosa intrisa di melodia, descrivendo il paesaggio e il cielo azzurro che circondano la terra agognata.

L’autore altri non è se Ugo Foscolo, una delle figure più influenti del Romanticismo che, in questo suo componimento, contrappone la bellezza di ciò che canta all’ombra della morte. Introduce il tema dell’effimero, sottolineando la fugacità della vita umana. La natura, in tutta la sua maestosità, diventa un testimone silente della trascendenza dell’umanità e della caducità delle sue opere.

Il poeta utilizza una varietà di immagini e simboli per esprimere il suo dolore e la sua consapevolezza della brevità della vita. Una metafora del tempo che scorre inesorabile, con il richiamo alla finitezza dell’esistenza umana. Il dolore personale di Foscolo, unito alla sua percezione acuta della natura e della mortalità, dà forma a una poesia intensamente emotiva. La sua voce, carica di pathos, si fa eco attraverso i secoli, suscitando nell’animo del lettore una profonda riflessione sulla propria esistenza e sul significato della vita.

Qual è la poesia misteriosa?

Costretto fin da giovane ad allontanarsi dalla sua patria (l’isola greca di Zacinto/Zákynthos, oggi nota in italiano come Zante), allora territorio della Repubblica di Venezia, si sentì esule per tutta la vita. E, infatti, la poesia è proprio “A Zacinto”, una delle più amate anche dagli studenti. “Né più mai toccherò le sacre sponde ove il mio corpo fanciulletto giacque” è uno degli incipit più famosi della letteratura.

Ugo Foscolo è il poeta misterioso
La poesia è “A Zacinto” di Ugo Foscolo (Foto Ansa) – (lintellettualedissidente.it)

Per tutta la vita, Foscolo si vide strappato da un mondo di ideali classici in cui era nato e cresciuto, tramite la sua formazione letteraria e il legame con la terra dei suoi antenati. Come molti intellettuali della sua epoca, si sentì però attratto dalle splendide immagini dell’Ellade, simbolo di armonia e di virtù.

Il componimento è dedicato dunque alla sua patria, ed affronta il tema dell’esilio, da lui autoproclamato dopo la cessione della Repubblica di Venezia – che allora comprendeva Zante – da parte di Napoleone agli Austriaci, e della nostalgia della sua terra. Una riflessione amara sulla vita e soprattutto sulla morte, sebbene quella di Foscolo sarebbe giunta oltre 25 anni dopo, a Londra.

Lontano dalla natia Zante, come vaticinava il poeta che paragona la propria condizione a quella di Ulisse, che però fu più fortunato di lui in quanto riuscì a rimettere piede sulla sua amata Itaca. Una “illacrimata sepoltura” in terra straniera. Nella perfida Albione, nella fattispecie.

Impostazioni privacy