Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Pasta scaduta, non ti azzardare a buttarla: ecco per quanto tempo puoi mangiarla

Foto dell'autore

Veronica Caliandro

Non ti azzardare a buttare la pasta scaduta. Ecco per quanto tempo puoi mangiarla e come riciclarla. Verità inaspettata.

Evitare gli sprechi in cucina è fondamentale. Per questo motivo se vi accorgete che la pasta è scaduta non buttatela subito nel bidone della spazzatura. Questo perché in alcuni casi è ancora possibile mangiarla.

perché non devi buttare la pasta scaduta
pasta (lintellettualedissidente.it)

Lavoro, famiglia, ma anche piccoli imprevisti riempiono costantemente le nostre giornate. Innumerevoli sono le cose da fare, tanto da non stupire il fatto che possa capitare di dimenticarsi qualcosa. Riuscire a stare dietro le varie scadenze, d’altronde, non è affatto facile.

Ormai tutto in effetti ha una scadenza, anche la pasta. Proprio soffermandosi su quest’ultima si invita a evitare inutili sprechi. Anche una volta scaduta, infatti, vi sono alcuni casi in cui è ancora possibile mangiarla o addirittura riciclarla. Ecco le tempistiche da rispettare.

Pasta scaduta, non ti azzardare a buttarla, ecco per quanto tempo puoi mangiarla: come evitare inutili sprechi

A incidere sulla durata della pasta è la relativa preparazione e modalità di conservazione. In particolare, per mantenerla fresca il più a lungo possibile si consiglia di conservala nella confezione di origine. Prestate inoltre attenzione a non riporre la pasta in un luogo umido.  In linea generale la pasta secca può essere consumata anche un paio di mesi dopo la data di scadenza impressa sulla confezione.

Quanto tempo dopo è possibile mangiare la pasta scaduta
Quanto tempo dopo è possibile mangiare la pasta scaduta (lintellettualedissidente.it)

Questo sempre a patto che la confezione sia integra e conservata in un luogo asciutto.  Ovviamente se si nota la presenza di insetti nella confezione bisogna, purtroppo, buttare la pasta. La pasta fresca, invece, può durare all’incirca fino a cinque giorni dopo la data di scadenza. In tal caso è importante accertarsi che non vi siano cattivi odori e che la pasta non abbia cambiato colore. In caso contrario si deve evitare assolutamente di mangiarla.

Consumare la pasta oltre la data di scadenza, quindi, in determinati casi è possibile. In alternativa, onde evitare inutili sprechi, è possibile riciclarla. Ad esempio è possibile fare una bella ghirlanda da colorare con dello spray. Basta incollare la pasta su un cartoncino dalla forma circolare e il gioco è fatto. In alternativa è possibile utilizzare uno spago e realizzare una bella collana. Date libero sfogo alla vostra immaginazione e in questo modo anche la pasta scaduta potrà essere riutilizzata. Provare per credere!

Impostazioni privacy