Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Colloqui di lavoro, questa competenza è la più richiesta: devi averla per forza

Foto dell'autore

Valentina Trogu

Durante i colloqui di lavoro i reclutatori valutano specialmente una competenza. Scopriamo qual è per non farsi trovare impreparati.

Le esperienze pregresse potrebbero non essere sufficienti se non si hanno le competenze desiderate dalle aziende.

colloqui di lavoro quale competenza avere
La competenza indispensabile nei colloqui di lavoro – Lintellettualedissidente.it

Fare un colloquio di lavoro può spaventare. Ritrovarsi seduti davanti ad un recruiter pronto a scavare in profondità per decidere se siete o meno adatti per il ruolo da ricoprire fa paura. E con centinaia di altri candidati con i quali competere. Per avere la meglio occorrerà dimostrare di possedere quel quid in più, un valore aggiunto rispetto a tutti gli altri partecipanti alla selezione.

Non bisognerà farsi trascinare dall’ansia e dal timore di non essere perfetti. Il primo passo verso l’assunzione è dimostrare di essere preparati, motivati, determinati e con una grande fiducia in sé stessi e nelle proprie capacità (senza eccedere per non sembrare saccenti). Naturalmente conterà anche il curriculum che si presenta con le esperienze pregresse e gli studi effettuati. Di fondamentale importanza, poi, le attitudini e le competenze. Non vanno tralasciate soprattutto queste ultime.

La competenza da presentare ai colloqui di lavoro

Da un’indagine è emerso che le competenze di base digitali sono state richieste dalle imprese in oltre sei assunzioni su dieci. E nel 42% dei casi è stato difficile trovare la figura ricercata che soddisfacesse tale requisito. Eppure nel 2023 la centralità della tecnologia digitale è nota soprattutto con riferimento alle nuove formule organizzative aziendali e ai nuovi modelli di business.

Competenze da indicare nel curriculum
Curriculum e competenze digitali – Lintellettualedissidente.it

Lo scorso anno il 70% delle aziende ha investito in un ambito di trasformazione digitale. Si sono adottate strategie di investimento collegate tra loro per combinare le aree tecnologiche. Nello specifico, le imprese chiedono

  • competenze digitali di base per la comunicazione visiva e multimediale a 3,3 milioni di profili professionali,
  • abilità nell’uso di linguaggi e metodi matematici e informatici a 2,7 milioni di posizioni occupazionali,
  • capacità di gestione delle soluzioni innovative 4.0 a 1,9 milioni di addetti.

I reclutatori valutano la capacità digitali, non c’è dubbio e conferiscono a tale requisito un grado di importanze elevato. Qualche numero? Le assunzioni con questo riferimento sono state 113 mila a Milano, 44 mila a Torino, 23 mila a Bologna e 22 mila a Brescia nel quinquennio 2017-2022.

Le previsioni stimano un ulteriore incremento dei numeri dato che la digitalizzazione sta assumendo un ruolo sempre più centrale in tanti ambiti diversi. Il consiglio per chi deve affrontare un colloquio di lavoro, dunque, è prepararsi adeguatamente in modo tale da aggiungere al curriculum le competenze digitali di base.

Impostazioni privacy