Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Che voglia di un dolce dopo pranzo o cena! Ma fa male o bene mangiarlo?

Foto dell'autore

Giulia Belotti

Se dopo pranzo o dopo cena ti viene sempre voglia di qualcosa di dolce, ecco tutta la verità sull’impatto sulla salute di questa abitudine

Sono moltissime le persone che si concedono, con il caffè, un biscotto o una fetta di torta. I dolci sono alimenti per definizione irresistibili e, fin da quando siamo bambini, viviamo nei loro confronti un rapporto di amore e di odio. Se da un lato li mangeremmo in continuazione, dall’altro sappiamo perfettamente che non fanno così bene e che dovremmo limitarci. Ecco però il reale impatto sulla salute del dolcetto dopo i pasti.

Dolce dopo pranzo o dopo cena, la verità
Dolce dopo pranzo o dopo cena, la verità: fa bene o fa male? (lintellettualedissidente.it)

I fortunati che amano il gusto del salato non sanno quanto sia difficile resistere al dolcetto dopo pranzo o dopo cena, soprattutto quando si sa di avere in dispensa qualcosa di davvero gustoso ed irresistibile. Oggi, però, vogliamo svelarvi la verità: concedersi questo sfizio dopo i pasti fa bene o fa male? Ecco la risposta.

Dolce dopo pranzo o dopo cena: aspetti positivi e negativi

In primo luogo, è importante specificare che introdurre nel corpo più calorie di quante effettivamente se ne consumano comporta nel tempo un aumento di peso, situazione pericolosa per la salute poiché correlata ad un maggiore rischio di disturbi fisici e metabolici, tra cui l’iperglicemia e l’ipercolesterolemia. I dolci, notoriamente calorici, andrebbero quindi consumati con moderazione, anche per la salute dei denti che subiscono un forte impatto dal loro consumo frequente.

Dolce dopo pranzo o dopo cena, la verità
Dolce dopo pranzo o dopo cena, la verità: fa bene o fa male? (lintellettualedissidente.it)

Dall’altro lato, però, consumare un dolce alla fine di un pasto ricco di proteine e di fibre può rallentare l’assorbimento degli zuccheri, riducendo quindi l’impatto sulla glicemia e allontanando i tanto temuti picchi glicemici, cioè quei momenti nei quali i livelli di zucchero nel sangue si alzano a picco.

Un buon modo per saziare la voglia di dolce a fine pasto riducendo le conseguenze negative di questa abitudine è quella di consumare sempre frutta fresca, zuccherina per definizione e buon segnale per il cervello di fine pasto. In alternativa, la si può usare per guarnire un po’ di yogurt bianco, per rendere il dessert ancora più gustoso o la si può condire con della cannella o del cacao amaro in polvere. Fondamentali anche gli spuntini tra un pasto e l’altro, perfetti per ridurre la sensazione di fame: ottima per queste occasioni la frutta secca.

Impostazioni privacy