Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Cosa fare se entra l’acqua nell’orecchio: ciò che di più fastidioso può accadere al mare

Foto dell'autore

Danila Franzone

Scopri come rimediare all’acqua che entra nelle orecchie. Le soluzioni più efficaci per evitare quest’enorme fastidio

Estate per la maggior parte delle persone, significa mare. E al mare non c’è nulla di più piacevole che immergersi in acqua, godendosi il sole, l’acqua salmastra e le sue onde che possono cullarci come sostenerci durante il nuovo o qualsiasi altra attività. In mezzo a tutta questa meraviglia, però, a volte ci sono dei piccoli inconvenienti che possono risultare particolarmente fastidiosi.

acqua orecchio rimedi
quali sono i rimedi per l’acqua nell’orecchio (l’intellettualedissidente.it)

Uno tra questi è quello dell’acqua che entra nelle orecchie. Un “incidente” piuttosto comune e che se non risolto prontamente può diventare sempre più fastidiosi arrivando (per fortuna non sempre) anche ad aggravarsi. Dopo aver scoperto qual è il trucco per evitare il mal di mare, ecco quindi alcune dritte da mettere in atto quando entra l’acqua nelle orecchie.

Come agire quando entra l’acqua nelle orecchie

Che si tratti di andare al mare o di fare un semplice tuffo in piscina, l’esperienza dell’acqua che entra nelle orecchie è tra quelle che presto o tardi sperimentiamo tutti. Se nella maggior parte dei casi si tratta di un problema momentaneo, a volte può capitare che l’acqua porti a delle infiammazioni. Per fortuna ci sono dei rimedi per evitare che ciò accada e persino per ridurre il fastidio che si prova. Tutto sta nell’agire subito in modo da liberare il prima possibile i condotti uditivi. Per farlo può essere utile pulire subito le orecchie con un panno asciutto e pulito quando si esce dall’acqua.

acqua orecchio rimedi
quali sono i rimedi per l’acqua nell’orecchio (l’intellettualedissidente.it)

Se la sensazione avviene mentre si è ancora dentro, invece, può essere necessario cercare di farne uscire gli eccessi. Per farlo basta inclinare la testa e tirare verso il basso il lobo dell’orecchio. Al contempo si può agire muovendo la mandibola come se si volesse sbadigliare. Ciò, di solito, aiuta l’acqua a fuoriuscire liberando le orecchie sia dal problema che dal fastidio. In casi più seri, qualora l’acqua non dovesse andar via e con fastidio che peggiora può essere necessario rivolgersi al medico. Per fortuna si tratta di casi molto rari.

E per chi nella vita preferisce sempre prevenire? In tal caso si possono inserire dei tappi per le orecchie studiati appositamente per chi nuota ed in grado di evitare che il fastidio dell’acqua che entra. Anche massaggiare un po’ di olio all’entrata dell’orecchio può essere d’aiuto in quanto si viene a creare una barriera protettiva. Ciò che conta è godersi i momenti di relax ricordando sempre di non sottovalutare qualsiasi sintomo anche se solo fastidioso. Agendo in questo modo non si correranno rischi inutili.

Impostazioni privacy