Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Si diffonde l’incredibile fenomeno della resurrezione virtuale e presto tutti potremmo essere immortali digitali

Foto dell'autore

Lorenzo Masini

Viaggiamo nel mondo virtuale dove la tecnologia sfida i confini dell’esistenza umana. Ecco cos’è la resurrezione virtuale, come funziona e quali sono le questioni etiche che solleva.

In una recente pubblicità televisiva di una nota società che fornisce energia, uno dei protagonisti si domanda se c’è vita oltre la vita. Ebbene, grazie alla resurrezione virtuale possiamo rispondere affermativamente al quesito, anche se limitatamente al mondo digitale. L’idea di riportare in vita i defunti ha da sempre affascinato l’uomo, alimentando miti, leggende e opere di fantasia. Oggi, la fantascienza sembra diventare realtà grazie alla resurrezione virtuale. Questa permette di interagire con la memoria di una persona cara scomparsa, creando un’esperienza virtuale immersiva e personalizzata. Ma come funziona questa tecnologia e quali sono le implicazioni etiche che ne derivano?

Si diffonde l’incredibile fenomeno della resurrezione virtuale: ecco come funziona

La resurrezione virtuale si basa sulla creazione di un gemello digitale della persona defunta, utilizzando le sue informazioni personali, i suoi ricordi, i suoi messaggi e i suoi contenuti multimediali. Questo gemello digitale viene poi inserito in un ambiente virtuale, che può essere una replica di un luogo reale o un mondo fantastico, dove l’utente può interagire con esso.

Facciamo un esempio per capire bene di cosa si tratta. Gli ingegneri della cinese SenseTime hanno creato un clone virtuale del presidente Tang Xiao’ou. Alcuni mesi dopo la sua morte al suo clone hanno fatto presentare i dati di bilancio dell’azienda. I servizi come You od Only Virtual creano una versona, un avatar che replica l’aspetto e le maniere del caro estinto, permettendo conversazioni virtuali sorprendentemente reali.

Quali sono i problemi etici della resurrezione virtuale?

Tutto questo può avere un costo non in termini economici, si stima che questo mercato possa valere 12 miliardi di dollari, ma etici e psicologici. La resurrezione virtuale solleva diverse questioni etiche di grande complessità. Innanzitutto, c’è il tema del rispetto per la persona defunta. Si può davvero considerare etico resuscitare qualcuno senza il suo consenso? E come si tutela la sua privacy e la sua immagine? Inoltre, la resurrezione virtuale potrebbe avere un impatto negativo sul processo di lutto dei familiari e degli amici. Può ostacolare l’elaborazione del dolore impedendo di accettare la perdita. Non da ultimo, c’è il rischio di una strumentalizzazione commerciale di questa tecnologia, che potrebbe essere utilizzata per scopi lucrativi o addirittura manipolatori.

Nuovi scenari alla porta, entusiasmanti ma anche inquietanti

La resurrezione virtuale rappresenta un’evoluzione tecnologica che apre scenari affascinanti ma allo stesso tempo inquietanti. Se da un lato offre la possibilità di rivivere momenti preziosi con chi non c’è più, dall’altro solleva interrogativi etici di grande portata. È fondamentale, quindi, procedere con cautela e responsabilità, avviando un dibattito pubblico aperto. Occorre coinvolgere filosofi, etici, psicologi e rappresentanti delle diverse fedi religiose per delineare i principi etici che devono guidare l’utilizzo di questa tecnologia. Solo così potremo sfruttare il suo potenziale positivo senza correre il rischio di snaturare il senso stesso della vita e della morte.

Impostazioni privacy