Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

I mercati azionari americani chiudono al rialzo, ma senza troppa convinzione

Foto dell'autore

Marco Calindri

Tutti e tre gli indici principali di Wall Street hanno segnato un altro avanzamento settimanale mentre gli investitori hanno analizzato i commenti dei funzionari della Federal Reserve e hanno focalizzato la loro attenzione sui dati cruciali sull’inflazione della prossima settimana. Da notare che il Dow Jones ha ottenuto la sua migliore performance settimanale da dicembre scorso.

I dati macro che potrebbero condizionare l’andamento dei mercati azionari americani

I commenti di alcuni funzionari della Fed hanno contribuito a definire le aspettative, mentre gli investitori  guardano ai dati sull’inflazione della prossima settimana. Il Presidente della Federal Reserve di Atlanta, Raphael Bostic, ha riconosciuto alcuni segnali recenti di rallentamento dell’economia, ma ha aggiunto che la data dei tagli dei tassi rimane incerta. Adottando un tono più falco, la Presidente della Federal Reserve di Dallas, Lorie Logan, ha dichiarato che non è chiaro se la politica monetaria sia abbastanza restrittiva da portare l’inflazione al target del 2% della banca centrale.

Sono attesi segnali di progresso verso quel target la prossima settimana quando il Dipartimento del Lavoro pubblicherà i suoi indici dei prezzi al consumo e al produttore (IPC e IPP). Gli analisti prevedono che il cruciale rapporto sull’IPC mostri un prezzo “core” sottostante del 3,6% su base annua, che sarebbe la lettura più bassa da oltre tre anni.

Come è andata la stagione delle trimestrali?

La stagione degli utili del primo trimestre sta avvicinandosi alla sua conclusione. Dei 459 delle aziende nell’S&P 500 che hanno già pubblicato la trimestrale, il 77% ha ottenuto risultati superiori al consenso, secondo i dati di LSEG.

Nvidia ha guadagnato l’1,3% dopo che Taiwan Semiconductor Manufacturing Co, il più grande produttore di chip al mondo e un importante fornitore di Nvidia, ha riportato un aumento del 60% nelle vendite di aprile.

Le azioni di Novavax sono aumentate del 98,7% in seguito all’accordo di licenza del produttore di vaccini del valore di fino a 1,2 miliardi di dollari con Sanofi.

SoundHound AI ha guadagnato il 7,2% dopo aver superato le stime dei ricavi del primo trimestre.

Le azioni in calo hanno superato quelle in rialzo sul NYSE con un rapporto di 1,10 a 1; sul Nasdaq, un rapporto di 1,59 a 1 ha favorito i ribassisti.

L’S&P 500 ha registrato 58 nuovi massimi su 52 settimane e un nuovo minimo; il Nasdaq Composite ha registrato 95 nuovi massimi e 105 nuovi minimi. Il volume sugli scambi statunitensi è stato di 9,47 miliardi di azioni, rispetto alla media di 10,87 miliardi per l’intera sessione negli ultimi 20 giorni di negoziazione.

I mercati azionari americani chiudono al rialzo, ma senza troppa convinzione. Le indicazioni dell’analisi grafica

Come già detto, era da dicembre che non si vedeva un rialzo settimanale così importante. Tuttavia, la forte area di resistenza a 39.685 non ha ceduto. solo il superamento di questo livello, quindi, potrebbe proiettare le quotazioni oltre quota 40.000.

La mancata tenuta di area 37.917, invece, potrebbe favorire un’inversione al ribasso che potrebbe svilupparsi secondo lo scenario indicato in figura dalla linea tratteggiata.

Situazione contrastata per gli indicatori sul grafico del Dow Jones
Situazione contrastata per gli indicatori sul grafico del Dow Jones

 

Impostazioni privacy