Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Ecco un trucco per abbassare la rata del mutuo prima casa o per aumentare l’importo del finanziamento

Foto dell'autore

Lorenzo Masini

Il mutuo è un finanziamento che chi acquista una casa chiede alla banca. Questo finanziamento può essere intestato a una sola persona oppure può essere cointestato.

Il mutuo prima casa cointestato è una soluzione finanziaria che coinvolge due o più persone nell’acquisto di un immobile. In pratica, più acquirenti si uniscono per ottenere il finanziamento necessario all’acquisto della loro abitazione principale. Questo tipo di mutuo è particolarmente comune tra coppie sposate o conviventi, ma può coinvolgere anche parenti o amici stretti. Ecco come funziona e i vantaggi e svantaggi di questa soluzione.

Ecco un trucco per abbassare la rata del mutuo: un finanziamento per la prima casa cointestato

Nel mutuo cointestato c’è una condivisione delle rate e tutti i partecipanti sono responsabili del rimborso delle rate. Le rate mensili vengono suddivise tra i cointestatari in base alle loro quote di partecipazione finanziaria.
Questa soluzione ha dei benefici fiscali. I cointestatari possono usufruire delle stesse agevolazioni fiscali previste per il mutuo prima casa intestato a una sola persona. Queste includono la detrazione sugli interessi passivi e altre agevolazioni legate all’acquisto della prima abitazione.
Ma se i cointestatari godono di benefici, hanno anche dei doveri. Infatti, nel caso in cui uno dei cointestatari non possa più contribuire al pagamento delle rate, gli altri partecipanti sono tenuti a coprire l’intero importo. Pertanto, è importante considerare attentamente la fiducia reciproca e la stabilità finanziaria prima di optare per un mutuo cointestato.

Analizziamo i vantaggi del mutuo prima casa cointestato

Il primo vantaggio si trova nella fase di accesso al credito. Infatti, il mutuo cointestato consente di accedere al credito anche a chi non dispone di risorse finanziarie sufficienti da solo. Il contributo di due redditi offre alla banca maggiori garanzie.
Abbiamo sopra letto che i benefici fiscali sono un altro vantaggio del mutuo cointestato. Come accennato, i cointestatari possono beneficiare delle detrazioni fiscali previste per l’acquisto della prima casa. La condivisione dei costi è un altro lato positivo. La spesa per l’acquisto e il rimborso del mutuo viene suddivisa tra i partecipanti, alleggerendo il carico finanziario individuale.

Ma il mutuo cointestato ha anche degli aspetti svantaggiosi per chi lo sottoscrive

Ovviamente il primo aspetto negativo è la solidarietà finanziaria. Se uno dei cointestatari non rispetta gli impegni finanziari, gli altri sono tenuti a coprire il debito. Proprio per questo, la gestione di un mutuo cointestato richiede un accordo chiaro tra i partecipanti. Quindi non è così semplice la realizzazione di questo patto di ferro.
In conclusione, il mutuo prima casa cointestato può essere una scelta vantaggiosa per chi desidera condividere l’esperienza dell’acquisto di una casa con un partner o un familiare. Tuttavia, è fondamentale valutare attentamente i pro e i contro prima di prendere una decisione.

Approfondimenti

Per abbassare la rata di un mutuo si può anche allungare i tempi del rimborso, in alcuni casi fino a 40 anni. Oppure si può acquistare una casa a 1 euro. Ma in quel caso probabilmente dovremo chiedere un mutuo per la ristrutturazione.

Impostazioni privacy