Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Continua la fase laterale in corso sul grafico delle quotazioni del petrolio

Foto dell'autore

Marco Calindri

Settimana a due facce per il petrolio che prima accelera al ribasso e poi recupera sul finire della settimana. Le quotazioni, però, registrano la terza settimana consecutiva al ribasso. Un evento che non si vedeva dal novembre 2023. Risultato netto? Ancora molta incertezza sul grafico dei prezzi del petrolio.

I market movers del petrolio

I futures sul petrolio greggio sono scesi per la terza settimana consecutiva, inizialmente a causa della decisione dell’OPEC+ di revocare gradualmente i tagli volontari alla produzione di 2,2 milioni di barili al giorno entro la fine dell’anno. Per contrastare il calo, il ministro dell’Energia saudita ha suggerito che il piano potrebbe essere sospeso o invertito. Tuttavia, l’Arabia Saudita ha ridotto il prezzo del suo greggio Arab Light per i clienti asiatici, segnalando incertezze sulla domanda.

Il petrolio è rimbalzato giovedì sulla speranza di tagli dei tassi di interesse negli Stati Uniti dopo che la Banca Centrale Europea ha ridotto i tassi per la prima volta dal 2019, ma il rimbalzo si è esaurito venerdì a seguito di un aumento delle buste paga non agricole statunitensi molto maggiore del previsto, il che potrebbe ritardare le aspettative di tagli dei tassi da parte della Federal Reserve.

Anche i dati americani hanno mostrato un aumento delle scorte commerciali di petrolio greggio di 1,2 milioni di barili nella settimana terminata il 31 maggio, contro una prevista diminuzione di 1,6 milioni, insieme a un aumento delle scorte di benzina e distillati. Venerdì, il petrolio WTI per luglio ha chiuso con una leggera perdita dello 0,03%, e la benzina RBOB per luglio ha chiuso con una perdita dello 0,62%.

Il dollaro forte ha pesato sui prezzi dell’energia, ma le perdite nel greggio sono state limitate dal rapporto sulle buste paga statunitensi di maggio, positivo per la crescita economica e la domanda di energia. Il principe saudita Abdulaziz bin Salman ha anche affermato che l’OPEC+ potrebbe fermare o invertire la decisione di aumentare la produzione di greggio se i prezzi scendessero.

Il taglio delle previsioni del PIL tedesco per il 2024 da parte della Bundesbank ha avuto un impatto negativo sulla domanda di energia. L’aumento della produzione di greggio OPEC a maggio e l’incremento dello stoccaggio galleggiante di petrolio sono fattori ribassisti per i prezzi. Tuttavia, le preoccupazioni per il conflitto Hamas-Israele e le operazioni militari israeliane a Gaza, insieme agli attacchi agli shipping commerciali nel Mar Rosso, hanno sostenuto i prezzi del greggio.

L’aumento della produzione di greggio russo, stabile a 5,45 milioni di barili al giorno, ha un impatto negativo sui prezzi. La produzione statunitense è rimasta invariata a 13,1 milioni di barili al giorno. Secondo il rapporto EIA, le scorte di petrolio greggio negli USA erano il 3,9% sotto la media stagionale a cinque anni. Baker Hughes ha riportato una diminuzione di quattro impianti di trivellazione attivi negli Stati Uniti, scendendo a un minimo di due anni e un quarto di 492 impianti, un calo rispetto al picco di dicembre 2022.

Continua la fase laterale in corso sul grafico delle quotazioni del petrolio

Sono ormai sei settimane che le quotazioni chiudono la settimana quasi sempre sugli stessi livelli. A questo punto solo la rottura di uno dei livelli 75,91 $ o 84,98 $ potrebbe dare direzionalità alle quotazioni. Al rialzo lo scenario più probabile è quello indicato dalla line tratteggiata, mentre al ribasso è indicato dalla linea continua.

Da notare che il supporto in area 75,91 $ è stato rotto al ribasso, per cui settimana prossima sarà decisivo capire cosa potrebbe accadere alle quotazioni rispetto a questo livello.

Tutti gli indicatori sono impostati al ribasso sul grafico del petrolio
Tutti gli indicatori sono impostati al ribasso sul grafico del petrolio

 

Impostazioni privacy