Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Vita di coppia, quando la noia può diventare nostra alleata: non arrenderti ai primi ostacoli

Foto dell'autore

Guendalina Bonito

La noia può sopraggiungere in ogni momento in una coppia, ecco come fare per capire il meccanismo e rialzarsi da questa condizione

Poco noto che la noia colpisca una coppia giovane, ma ben più diffusa in relazioni che perdurano da molti anni. Subentra un aspetto fondamentale di cui non poter non tener conto. Ci si sente, infatti, poco stimolati dalle circostanze, dalla vita in due e soprattutto dall’altro.

la noia come alleata
donna annoiata – pixabay -l’intellettualedissidente.it

Si entra in un vortice di emozioni in cui si crede quasi che stare o non stare con una persona possa essere lo stesso Avviliti, sopraffatti o semplicemente “scocciati“. La noia che subentra al posto del piacere dello stare insieme, la quasi consapevolezza che nulla si possa fare per poter ripristinare la gioia di un tempo, non avere armi, infine per farlo.

La noia è tutto questo. Ed entra a far parte di una relazione quando la routine prende il sopravvento e soprattutto quando uno dei due si abitua, senza volerlo, ai tempi monotoni dell’altro. Ci si fa scivolare l’acqua addosso, ma si finisce con il non sentire più sensazioni.

Usare la noia per rialzarsi nella vita di coppia

Possibile utilizzare la noia a proprio vantaggio. Infatti, quando essa subentra nella vita di coppia, è da considerare come una vera e propria spia che qualcosa non va tra due persone.

problemi di coppia
Noia, vita di coppia – pixabay – l’intellettualedissidente.it

Una sorta d segnale che avvisa non tanto di ripristinare ciò che era prima della noia nella relazione, bensì la ricerca di una nuova chiave di lettura.

Infatti, se ciò che si aveva prima ha portato a sbagliare, a cadere anche in quella che è la condizione di noia, è negativo voler ritornare al punto di partenza. Occorre un nuovo inizio, in cui bisognerebbe avere bene in mente che i membri sono due e che c’è bisogno di chiarirsi.

Esternare i propri desideri, sottolineare gli sbagli dell’altro non in maniera negativa, bensì costruttiva intrecciandoli con le proprie mancanze. Solo così è possibile avvicinarsi sia psicologicamente che mentalmente.

Potrebbe essere più difficile spiegare questo passaggio che metterlo in pratica. A volte in una relazione succede che si comunica, ma non si analizzano a fondo le sensazioni dell’altro. Come se non si riuscisse a vedere oltre le cose.

Una condizione negativa, che preclude un buon margine di miglioramento. Il problema è proprio il fattore che ci si allontana quasi se si volesse evadere da una condizione di apparente calma. Il metodo migliore per poter superare la noia è sperimentare e non dare nulla per scontato.

Impostazioni privacy