Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Ti capita che si gela la testa quando mangi il gelato? Ecco da cosa dipende e quali rischi comporta

Foto dell'autore

Claudio Rossi

Sarà capitato a tutti almeno una volta nella vita di gelarsi la testa mangiando del gelato: questo è il motivo scientifico e i rischi riguardanti la salute

Una sensazione sgradevole che abbiamo provato tutti almeno una volta nella vita. Mangiare il gelato (quanto è buono!) e avere la pessima sensazione di sentirsi gelare la testa. E’ una cosa molto comune che ha dei significati molto particolari: facciamo attenzione che ci capita con grande frequenza.

Testa ghiacciata, gelato
La sensazione di testa ghiacciata mangiando gelato foto: Ansa – (lintellettualedissidente.it)

Si tratta di un dolore breve, ma molto intenso, che si scatena con l’assunzione di cibi freddi. Noi stiamo prendendo come esempio il gelato, ma, evidentemente, la stessa questione potrebbe essere posta per le bibite ghiacciate o per altri alimenti che si consumano freddi.

Il mal di testa che insorge con l’assunzione di bevande o alimenti freddi solitamente è piuttosto breve, dura non oltre i cinque minuti e svanisce con la stessa velocità con cui si è manifestato. Ovviamente, in caso di dolore persistente, così come facciamo con altri tipi di problemi, vi consigliamo di consultare medici e specialisti.

Noi lo chiamiamo cervello ghiacciato o cervello congelato, ma, senza addentrarci in questioni di natura troppo scientifica, possiamo dirvi che si tratta di un dolore di origine nervosa del ganglio sfenopalatino, un fascio di nervi che trasmette sensazioni dalla parte superiore della bocca (il palato) al cervello. Parliamo di un dolore che, come detto, avremo patito tutti almeno una volta, ma scientificamente è stato codificato solo nel 1988.

Testa gelata mangiando gelato: perché accade?

Incredibilmente, gli scienziati non sono ancora riusciti a dare una spiegazione a questo fenomeno e a perché accade, ma l’ipotesi più attendibile attribuisce questo dolore ad un meccanismo di difesa del cervello, sensibile agli abbassamenti di temperatura corporea molto rapidi. E’ in particolare l’arteria cerebrale anteriore a reagire al cibo troppo freddo: e così, l’arteria che irrora la corteccia orbito-frontale va in una sorta di autotutela. Aumentando l’afflusso di sangue caldo all’area cerebrale per riequilibrare la temperatura abbiamo quella sensazione di dolore.

Testa ghiacciata mangiando gelato
Testa ghiacciata dopo aver mangiato il gelato: perché? foto: Ansa – (lintellettualedissidente.it)

Il picco del dolore lo si raggiunge dai 20 ai 60 secondi dopo l’inizio della sollecitazione e il dolore scompare più o meno nella stessa durata. Quasi sempre non sono necessari farmaci o altre cure specifiche. La maggior parte delle persone ha i propri metodi per alleviare il mal di testa da gelato; il più comune è arricciare la lingua e premere la parte inferiore contro il palato.

Tuttavia, per alleviare il dolore più velocemente si può bere un liquido a temperatura ambiente oppure coprire la bocca e il naso con le mani e respirare rapidamente per aumentare il flusso di aria calda sul palato. In generale, consumando lentamente il gelato, la sensazione non dovrebbe manifestarsi. Ovviamente, qualora il sintomo dovesse durare di più rispetto ai tempi che vi abbiamo indicato, il consiglio è consultare un medico.

Impostazioni privacy