Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

“Se solo tornassimo a desiderare la luna”: i consigli di un luminare per una vita piena di gioia

Foto dell'autore

Samanta Airoldi

Il desiderio deve tornare al centro della nostra vita secondo un celebre psichiatra. Vediamo i suoi consigli per essere felici.

Il famoso psichiatra Paolo Crepet, nel suo nuovo libro “Prendetevi la luna” ci spiega perché oggi molti giovani si sentono perennemente insoddisfatti e ci dà qualche consiglio per una vita piena di gioia.

Felicità e desiderio
Consigli per essere felici/ intellettuale.dissidente.it

 

Fare lo psichiatra significa rimuovere gli ostacoli alla felicità“, queste le parole del famoso psichiatra e scrittore Paolo Crepet che si accinge a presentare il suo ultimo libro in Emilia Romagna. Il nuovo manoscritto del professionista s’intitola “Prendetevi la luna“. Crepet analizza i problemi delle nuove generazioni ma anche quelle dei loro genitori e fornisce qualche consiglio su come tornare a vivere con gioia ed entusiasmo. Al centro di tutto, secondo l’esperto, vi è il desiderio. Il desiderio non sempre può trovare appagamento ma questo non deve mai farci smettere di desiderare e di provare a raggiungere ciò che vogliamo.

Ecco come raggiungere la felicità

Non si può pretendere la luna. Un vecchio proverbio recitava così e più o meno tutti ce lo siamo sentiti dire almeno una volta da genitori o amici o superiori a lavoro. Forse non la si potrà mai raggiungere ma sicuramente la si può desiderare. Ed è proprio questa la chiave di tutto.

Consigli per trovare la felicità
L’importanza di desiderare la luna/ intellettuale.dissidente.it

 

Paolo Crepet torna a parlare dell’importanza – per i bambini e i ragazzi ma non solo – di avere desideri e di porsi degli obiettivi che diano un senso alla vita. Accontentarsi del presente, smettere di sognare, non avere ambizioni anche enormi genera solo persone frustrate che passano le intere giornate sui social network.

L’esperto sottolinea che la responsabilità è dei genitori, cioè delle generazioni di 40enni che, per primi, vivono sui social e hanno abdicato al loro ruolo di figura autorevole e punto di riferimento nei confronti dei figli. Oggi i 40enni vogliono essere simili ai loro figli, fanno le stesse cose dei loro figli e tentano di comportarsi da amici facendo loro fare tutto ciò che vogliono. Ma questo castra sul nascere la spinta alla ribellione, la ricerca dell’autonomia che, invece, sono fondamentali per un adolescente.

Un ragazzo o una ragazza che non ha nulla contro cui ribellarsi non riuscirà mai ad affermare la propria personalità. Ma il genitore oggi preferisce acconsentire a tutto per evitare il peso di un conflitto che non saprebbe gestire. Le nuove generazioni, secondo Crepet, hanno smesso di desiderare la Luna per accontentarsi di un presente fatto di incertezze. Il segreto per essere felici è proprio tornare a desiderare la Luna e fare di tutto per raggiungerla. Perché il motore di tutto resta sempre e solo il desiderio senza il quale la vita perde il suo stesso senso.

Impostazioni privacy