Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

A Perugia c’è un bambino di un anno e mezzo che non apre mai gli occhi

Foto dell'autore

Gianluca Merla

Il piccolo di un anno e mezzo non riusciva a svegliarsi e non apriva mai gli occhi, poi la scoperta dei medici

Una storia incredibile quella del piccolo bambino di un anno e mezzo di età ricoverato in ospedale a Perugia. Il bambino, infatti, non riusciva a svegliarsi ed è stato portato di urgenza nel reparto di pediatria.

Bambino non riesce a svegliarsi
L’episodio è accaduto a Perugia e ha lasciato a bocca aperta moltissime persone (Credits foto: Ansa) – L’intellettualedissidente.it

Una situazione delicatissima che ha visto il piccolo rischiare di non svegliarsi più. La causa, ancora tutta da chiarire e al vaglio dei medici che dovranno stabilire una diagnosi, non dovrebbe riguardare patologie rare. A scatenare questa reazione nel piccolo, infatti, sarebbero stati dei cannabinoidi, trovati all’interno dell’organismo del bambino. Adesso si sta cercando di fare chiarezza e capire perché.

Positivo ai cannabinoidi: bambino di un anno e mezzo non si sveglia più

Dormiva tranquillo e senza fare rumore, ma una tranquillità che ha insospettito la nonna del piccolo, che ha deciso di chiedere aiuto ai medici. La storia del bambino di un anno e mezzo che dorme troppo e non apre quasi mai gli occhi ha infatti colpito tutta la città di Perugia e sono in molti a voler capire che cosa sia successo davvero e quale sia il motivo per cui il piccolo non riesce a svegliarsi.

Bambino non riesce a svegliarsi
I medici hanno rilevato che il bambino ha ingerito sostanze cannabinoidi (Credits foto: Ansa) – L’intellettualedissidente.it

A lanciare l’allarme è stata la nonna del piccolo. Il bambino, figlio di una coppia di cittadini nordafricani, vive infatti nella casa di sua nonna, in cui trascorre la maggior parte del temo. Secondo quanto si apprende, infatti, il bimbo di un anno e mezzo vive con la sua nonna, in quanto i suoi genitori, di cui non si conoscono le generalità, hanno smesso di occuparsene da tempo. Tuttavia, il giorno dopo la segnalazione della nonna sulla salute del piccolo e il trasporto di urgenza in ospedale, il bambino aveva passato del tempo con suo padre. I due erano infatti stati la parco e, una volta tornato a casa dalla nonna, il piccolo stava già dormendo. Inizialmente, la nonna non aveva avuto alcun sospetto, decidendo quindi di mettere a letto il piccolo. Ma una volta andata per svegliarlo, si è accorta che qualcosa non andava.

Il piccolo, infatti, non apriva gli occhi e non riusciva più a svegliarsi. Dopo alcuni tentativi, dunque, la nonna del bambino ha deciso di allertare i soccorsi, chiamando il 118. Gli operatori sanitari, giunti sul posto, hanno quindi deciso di trasportare il bambino in ospedale per poterlo visitare. A seguito delle analisi la scoperta incredibile fatta dai medici: il piccolo aveva ingerito dei cannabinoidi. Sarebbe stata questa la possibile causa di tale difficoltà a risvegliarsi. Trasportato nel reparto di pediatria, il bambino è stato ricoverato ed è ora sotto il controllo dei medici. Non sarebbe in pericolo di vita. Tuttavia, adesso bisognerà capire quale sia stato il motivo per cui le analisi sul bambino abbiano mostrato un’ingestione di cannabinoidi. Per questo le autorità hanno dato inizio alle indagini per far chiarezza.

Impostazioni privacy