Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Putin non ha dimenticato l’Italia

Foto dell'autore

Gianluca Merla

Anche la nostra Penisola sarebbe tra gli obiettivi strategici e militari di Putin, che di certo non ha dimenticato l’Italia

Potrebbero esserci influenze russe in Italia e infiltrate talmente bene da non essere state individuate dalla nostra Intelligence.

Putin non ha dimenticato l'Italia
Ci sarebbero influenze russe anche in Italia (ansa) – L’intellettualedissidente.it

Si tratterebbe di una notizia clamorosa che eroderebbe ancora le già difficili relazioni diplomatiche che l’Italia ha con la Russia. Ad aumentare il sospetto è una conversazione registrata che dimostra come i mercenari della Wagner sarebbero impegnati in alcune missioni che includono anche il territorio italiano.

La Wagner in Sicilia? Un combattente dice tutto

Mentre aumentano le tensioni internazionali tra le grandi potenze militari, anche l’Italia – come spesso accade nella storia – sarebbe oggetto di interesse. Sono infatti emersi alcuni elementi che proverebbero l’esistenza di un’influenza russa anche in Italia. A far aumentare il sospetto è stata una telefonata tra un mercenario della Wagner – l’organizzazione paramilitare russa, prima comandata da Prighozin e ora in mano al Cremlino – e sua sorella. Nella telefonata si sente l’uomo rivelare alla sorella che sarà presto inviato in missione, ma che ancora non sa dove verrà mandato, se “A Cuba o in Sicilia”.

Putin non ha dimenticato l'Italia
La conversazione registrata del militare Wagner (ansa) – L’intellettualedissidente.it

La conversazione è stata registrata nella primavera del 2023 e la sorella del militare ha quindi deciso di inviare tale comunicazione a due giornaliste indipendenti di nazionalità russa. Si tratta di Sonya Groysman e Olga Churakova, le quali conducono un podcast che tratta il ritorno in Russia dei mercenari. Secondo La Stampa, alcune missioni della Wagner includerebbero anche la Sicilia. Il militare parlerebbe al telefono del fatto che ci fosse la possibilità di essere mandato in Libia, in Egitto, ma anche a Cuba o in Sicilia. Queste ultime due, dice il mercenario, sono destinazioni sicure e lui andrà in una delle due, a seconda delle decisioni dei suoi superiori.

Dunque, se questa telefonata dovesse essere dichiarata veritiera, si dimostrerebbe come la Russia, attraverso i mercenari della Wagner, starebbero operando al soldo del Cremlino anche in Italia. Ma perché proprio in Sicilia? Proprio nel marzo del 2023 il ministro della Difesa, Guido Crosetto, aveva dato per certo il ruolo della Wagner nell’aumento “esponenziale del fenomeno migratorio” che stava interessando l’Italia. Dunque, la Wagner starebbe cercando di aumentare il flusso dei migranti diretti in Italia (e in Europa) per creare scompiglio politico nel Continente. Non è la prima volta che emergono notizie di tentativi di infiltrazione militare russa negli apparati italiani. Già nel marzo del 2020, in piena pandemia, fece molto scalpore il tentativo di alcuni militari russi di accedere a basi militari italiane strategiche, come l’aeroporto militare Amendola di Foggia.

Impostazioni privacy