Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Ospedale a Gaza, il buio di Netanyahu

Foto dell'autore

Gianluca Merla

Dopo la strage causata dall’ospedale di Gaza, le forze in campo si accusano a vicenda. Ma Netanyahu ora è al buio

La notizia che un raid israeliano avrebbe colpito un complesso ospedaliero a Gaza City, provocando centinai di morti, si è diffusa in pochissimi minuti.

Netanyahu è al buio
Il governo di Netanyahu appare in grandi difficoltà (Ansa) – L’intellettualedissidente.it

Secondo le autorità locali i morti tra i civili sarebbero circa 500, ma intanto sia Israele che Hamas si accusano a vicenda per l’abbattimento dell’ospedale. Una situazione sconvolgente che fa emergere un altro dettaglio inquietante: il governo di Netanyahu è completamente al buio e quest’ultimo episodio lo ha nuovamente evidenziato.

Un messaggio cancellato

La notizia della distruzione del complesso ospedaliero è senza dubbio la più importante dall’inizio del conflitto tra l’esercito israeliano e le forze di Hamas. Dopo aver dichiarato apertamente guerra alle milizie terroristiche che hanno attaccato i Kibbutz a sud del Paese, il governo israeliano aveva annunciato un’imminente invasione della Striscia di Gaza, iniziando pesanti bombardamenti sulla principale città della regione. Fino al raid sull’ospedale, che ha confermato nuovamente come Netanyahu sia tutt’ora al buio. E a dimostrarlo è un inquietante post.

Netanyahu è al buio
Il portavoce di Netanyahu ha pubblicato un post, poi rimosso, dove annuncia il colpo sull’ospedale – L’itellettualedissidente.it

Una confusione che viene evidenziata non solo dal rimpallo di accuse tra le parti: Hamas ha condannato l’attacco di Israele sull’ospedale, mentre i portavoce israeliani hanno accusato Hamas di aver sbagliato il lancio di un razzo, centrando il complesso ospedaliero. Il buio totale del governo di Tel Aviv è dimostrato anche dal clamoroso post di una portavoce di Netanyahu, poi rimosso dopo alcuni minuti. Nel post si legge una versione totalmente opposta quella ormai ufficiale fornita dopo le accuse di Hamas. “Israele ha appena attaccato una base di Hamas all’interno dell’ospedale di Gaza – ha scritto Hananya Naftali – Un alto numero di terroristi sono morti. È devastante che Hamas lanci razzi da una base interna all’ospedale…”.

Il post, pubblicato su Twitter, è stato eliminato poco dopo. Ma non solo, lo stesso Naftali ha pubblicato ancora poco dopo, questa volta fornendo una versione diametralmente opposta a quella che aveva pubblicato solo qualche minuti prima. Il portavoce ha infatti scritto che l’ospedale sarebbe stato distrutto da un razzo di Hamas, probabilmente dopo aver seguito una traiettoria sbagliata. Un autogol incredibile che dimostra come il caos non riguardi solo la situazione sulla Striscia di Gaza, ma che sia ampiamente diffuso anche all’interno degli apparati governativi. Sarà dura quindi far passare la seconda versione pubblicata da Naftali (che ora rappresenta la versione ufficiale di Israele) e il governo di Netanyahu dovrà fare i conti anche con questa difficoltà.

Impostazioni privacy