Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Nel mondo sale l’odio per Israele

Foto dell'autore

Gianluca Merla

Le proteste questa volta sfociano in violenze e nell’ultimo episodio è stata sfiorata una vera e propria strage di cittadini

La guerra nella Striscia di Gaza diventa sempre più violenta e, all’aumentare dei bombardamenti di Israele sulla città palestinese, crescono anche le manifestazioni di protesta in gran parte del mondo.

Nel mondo sale l'odio per Israele
Sale l’odio per Israele nel mondo (ansa) – L’intellettualedissidente.it

Negli ultimi giorni, infatti, non si sono affatto placate le manifestazioni pro-Palestina e anti-Israele. Ma le ultime ore sono state particolarmente violente e cariche di tensione. In particolare nel Daghestan, dove un volo con dentro alcuni cittadini israeliani è stato letteralmente preso d’assalto da alcuni manifestanti.

La Polizia impotente li ha lasciati passare

Un video girato stanotte nell’aeroporto di Makhachkalà del Daghestan, una regione della Federazione Russa, ha fatto immediatamente il giro del mondo.  Nelle immagini si vede la folla i di manifestanti entrare con forza nell’aeroporto, inneggiando cori contro israele e gli ebrei, e dirigersi  verso un aereo in cui viaggiavano proprio cittadini israeliani. Secondo i dati ufficiali, circa 20 persone sono state ferite, tra questi ci sarebbero sia civili che poliziotti. Le forze dell’ordine, infatti, non hanno potuto fare nulla per fermare la folla inferocita che si dirigeva verso l’aereo.  Al momento, secondo quanto riportato dal Times of Israel, non risulterebbero esserci vittime. L’episodio, come riporta il ministro degli Esteri israeliano, è stato seguito dall’ambasciatore israeliano in Russia, Alexander Ben Zvi.

Nel video si vede la folla inferocita letteralmente dare la caccia ad ebrei e cittadini israeliani. Le immagini hanno fatto immediatamente il giro del mondo dopo essere stati diffuse su alcuni account russi, per poi finire su X e su tutti gli altri social. In alcuni di questi filmati si vedono le forze dell’ordine non riuscire ad imporsi sull’elevato numero di persone che assale l’aeroporto. Molti dei cittadini sono armati di bastoni e infuriati inneggiano contro gli ebrei.

Solo intorno alle 22 della sera, le forze dell’ordine sono riuscite a liberare l’aeroporto dalla folla. Tuttavia, come riporta l’agenzia aeronautica russa, lo scalo resterà chiuso almeno fino al 6 novembre. Secondo numerose fonti locali, per poter sgomberare l’aeroporto dai “cittadini non autorizzati” si sarebbero resi necessari numerosi mezzi e uomini della Guardia nazionale russa. Le autorità hanno infatti dichiarato di aver identificato circa 150 rivoltosi, mentre 60 di loro sono stati arrestati. Il Ministero israeliano ha fatto sapere che tutti i cittadini israeliani presenti sul volo sono stati portati al sicuro e che partiranno presto per Mosca. Intanto il Mufti supremo del Daghestan, Sheikh Akhmad Afandi, ha parlato alla popolazione invitando alla calma. “Vi sbagliate – ha dichiarato in un video pubblicato su Telegram – non è questo il modo. Risolveremo in maniera diversa“.

Impostazioni privacy