Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Assegno accompagnamento INPS: la dicitura ‘non essere in grado di compiere atti quotidiani della vita’ cosa significa e perché è importante

Foto dell'autore

Sebastiano Spinelli

Quando cerchiamo di ottenere l’assegno di accompagnamento INPS ci viene mostrata una frase, e non è casuale. Cosa significa?

La richiesta per ricevere l’assegnazione di una indennità può variare, e a volte dipendere da alcune condizioni che devono essere rispettate. Il Governo mette in chiaro i requisiti necessari per l’acquisizione direttamente sulle piattaforme abilitate, così da permettere all’utenza di inviare la domanda nella maniera più corretta possibile.

Come richiedere correttamente l'assegno di accompagnamento
Questa dicitura, a volte, viene ignorata – IntellettualeDissidente.it

Ma a volte può succedere di sbagliare, e che la domanda non venga inviata con successo. Capita molto spesso con l’indennità di accompagnamento, una prestazione di assistenza non reversibile di cui hanno diritto gli invalidi civili residenti in Italia inabili. Vengono incluse quelle persone che non possono muoversi senza l’aiuto permanente di un accompagnatore, o che non possono svolgere le normali azioni quotidiane di tutti i giorni.

Assegnazione di accompagnamento: in quali casi può essere erogato? Ecco le situazioni in cui è concesso

Questa indennità viene erogata a tutti i cittadini italiani, cittadini UE e ai cittadini extracomunitari in possesso del permesso di soggiorno CE. Per il riconoscimento del beneficio non sono previsti limiti minimi e massimi di età. Nonostante queste facili condizioni, però, molte persone non comprendo a pieno chi può riceverlo, e soprattutto entro quali circostanze. Per questo motivo è necessario fare chiarezza sul significato di “non essere in grado di compiere atti quotidiani della vita“. Che cosa vuol dire?

Come richiedere correttamente l'assegno di accompagnamento
Questo assegno viene concesso soltanto a chi rispetta determinati requisiti – IntellettualeDissidente.it

L’indennità di accompagnamento, in questo caso, si riferisce al complesso di atti quotidiani della vita che viviamo tutti i giorni, e che dovrebbero risultare essere piuttosto semplici da eseguire. Vestirsi, mangiare, mantenere alta la propria igiene personale o preparare dei cibi rientrano tra le condizioni stabilite per poter ricevere l’indennità. Anche recarsi presso il proprio posto di lavoro, svolgere le faccende domestiche o utilizzare degli strumenti elettronici possono essere degli esempi lampanti.

Tutto ciò che ha a che fare in questa sfera di azioni facili da compiere, se non può essere eseguita, deve essere compensata con l’assegnazione di questa indennità. Chi è interessato a inviare la domanda di acquisizione del bonus, inoltre, può contattare il Patronato ACLI per ricevere una assistenza e consulenza personalizzata. Così facendo sarà possibile richiedere le prestazioni che si hanno diritto per poter condurre una vita dignitosa, quindi alla pari di tutte le altre persone.

Impostazioni privacy