Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Pochi sanno che è questo il covo perfetto per batteri e parassiti che si diffondono nel giardino e nell’orto

Foto dell'autore

Daniele Pisacane

Come ben sappiamo, la salute e la prosperità di un orto, o un giardino, dipendono da numerosi fattori. Questi includono, ad esempio, la qualità del suolo, l’esposizione solare, la frequenza di irrigazione, il microclima e così via. Esiste, però, un fattore che spesso viene trascurato e che può avere un impatto significativo sulle nostre piante, ossia l’invasione di batteri, parassiti e insetti nocivi. Questi organismi microscopici possono causare danni estesi, compromettendo la crescita di piante e fiori, o addirittura la loro morte. La comprensione dei meccanismi con cui questi agenti patogeni si diffondono è fondamentale per implementare strategie efficaci di prevenzione e controllo. Vediamoli insieme.

Pochi sanno che è questo il covo perfetto per batteri e parassiti che si diffondono nel giardino e nell’orto

La diffusione di batteri, parassiti e insetti nocivi nelle coltivazioni può essere attribuita a una varietà di cause, spesso interconnesse. In primo luogo, giocano un ruolo cruciale le condizioni ambientali, come l’elevata umidità o il vento troppo forte. Oppure la presenza di piante già infette, o deboli, nel giardino. Questi elementi creano l’habitat ideale per la proliferazione di molti patogeni o di insetti vettori di malattie da una pianta all’altra.
Un altro fattore determinante è la monocultura, ovvero la pratica di coltivare una singola specie di pianta su una vasta area. Questo approccio, pur essendo economicamente vantaggioso, riduce la biodiversità e crea le condizioni perfette per la rapida diffusione di malattie specifiche di quella pianta.

Pochi sanno che è questo il covo perfetto per batteri e parassiti: gli attrezzi da lavoro

Tra i vari modi in cui batteri e parassiti possono invadere un orto o un giardino, uno spesso sottovalutato è l’utilizzo di attrezzi da lavoro infettati. Forbici, rastrelli, pale e altri strumenti possono facilmente diventare veicoli di trasmissione per funghi, batteri e virus se utilizzati su piante malate, e poi su piante sane, senza adeguata sanificazione.
Questo avviene perché i patogeni possono aderire alle superfici degli attrezzi e rimanervi attivi per giorni o addirittura settimane, a seconda del tipo di batterio e delle condizioni ambientali. Quindi, pochi sanno che è questo il covo perfetto per batteri e parassiti. Ma come si previene una loro invasione?

La prevenzione è fondamentale

Dopo ogni uso, soprattutto se utilizzati su piante infette, gli attrezzi dovrebbero essere puliti e disinfettati accuratamente. Una soluzione semplice ma efficace consiste nell’immergere o strofinare gli attrezzi in una soluzione disinfettante, come l’alcol etilico denaturato. Oppure una soluzione di candeggina diluita (una parte di candeggina in nove parti di acqua).
Dopo la disinfezione, gli attrezzi devono essere risciacquati con acqua pulita e lasciati asciugare completamente prima del loro riutilizzo. È inoltre consigliabile utilizzare guanti durante questo processo per proteggere la pelle da possibili irritazioni causate dai disinfettanti.
Adottando queste misure proteggeremo le piante da batteri e parassiti, come tripidi, afidi o altro, promuovendo anche un ambiente di crescita più sano per le piante.

Impostazioni privacy