Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

È possibile raccogliere e riutilizzare l’acqua piovana per le pulizie e altre faccende domestiche? Ecco i segreti che nessuno ti dice

Foto dell'autore

Daniele Pisacane

In un’epoca in cui la sostenibilità è al centro dell’attenzione di tutti, il recupero e il riutilizzo dell’acqua piovana rappresentano strategie chiave per ridurre gli sprechi e promuovere un approccio più ecologico alla vita quotidiana.

I nostri avi, saggiamente, avevano già compreso l’importanza di questa risorsa, ed erano quindi diventati maestri nel recuperare e sfruttare ogni goccia d’acqua. Oggi non c’è più questa consapevolezza, anche per via di una scarsa informazione sul tema. Nelle prossime righe vedremo quindi come recuperare e riutilizzare l’acqua piovana, senza alcun tipo di rischio.

È possibile raccogliere e riutilizzare l’acqua piovana per le pulizie e altre faccende domestiche? Ecco i segreti che nessuno ti dice

Il recupero delle risorse, in particolare dell’acqua, è fondamentale per garantire un futuro sostenibile. Ogni goccia di acqua risparmiata riduce il carico sulle nostre risorse idriche naturali e sugli impianti di trattamento, diminuendo l’impatto ambientale e aiutando a combattere la scarsità d’acqua. Raccogliere l’acqua piovana, dunque, è una soluzione pratica ed ecologica, anche se sta diventando sempre meno disponibile, per via della diminuzione delle piogge.

Tuttavia, in periodi particolarmente piovosi come questo, possiamo approfittarne e adottare delle strategie efficaci di recupero e riutilizzo. Il primo passo per sfruttare l’acqua piovana è la raccolta. Sistemi di raccolta possono variare da semplici barili posizionati sotto le grondaie a sistemi più sofisticati che filtrano e immagazzinano l’acqua in cisterne. Una volta raccolta, questa acqua può essere impiegata in una varietà di modi per le pulizie domestiche. Ad esempio, può essere perfetta per innaffiare le piante; oppure, può essere utilizzata per il lavaggio dell’auto, o per la pulizia di pavimenti, finestre e così via.
Tuttavia, prima di utilizzare l’acqua piovana, soprattutto per le pulizie domestiche, è importante sterilizzarla per garantire che sia sicura e priva di contaminazioni. Per farlo, è necessario procedere per step.

Quindi, è possibile raccogliere e riutilizzare l’acqua piovana. Ma come farlo in sicurezza?

Innanzitutto, bisognerà filtrarla, anche più di una volta, per eliminare detriti come foglie, sporco, insetti e polvere. Possono essere utili per lo scopo strumenti per la filtrazione a maglia fine, così da intrappolare più residui possibili. Sebbene per la maggior parte delle pulizie domestiche non sia necessaria un’acqua sterilizzata, in alcune circostanze può essere opportuno depurare l’acqua piovana. Metodi come l’ebollizione o l’aggiunta di piccole quantità di cloro possono rendere l’acqua più sicura per usi specifici, evitando la proliferazione di batteri e alghe.

Infine, è necessario conservare l’acqua raccolta e filtrata. Per farlo al meglio, è essenziale conservarla in contenitori puliti e chiusi, da posizionare preferibilmente al buio e al fresco, lontani da fonti di calore o da ambiente eccessivamente umidi. Implementando semplici sistemi di raccolta, e seguendo queste semplici pratiche, è dunque possibile trasformare l’acqua piovana in una risorsa preziosa per il nostro quotidiano. Per le pulizie, infine, è possibile raccogliere e riutilizzare l’acqua piovana, anche nella produzione di detersivi fai da te.

Impostazioni privacy