Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Cos’è l’eccitazione condizionata? Ne soffrono in tanti, ecco quali problematiche comporta

Foto dell'autore

Maurizio Di Matteo

Hai mai sentito parlare di eccitazione condizionata? Ne soffrono sempre più persone, ed è più comune di quel che si pensa. Scopriamo insieme di cosa si tratta.

Rispetto a qualche anno fa, oggi facciamo un utilizzo frequente di dispositivi elettronici, sia a lavoro che a casa, quando ci rilassiamo. Il problema si pone quando ne facciamo un uso improprio o eccessivo, poiché può portare a disturbi più o meno condizionanti. Uno di questi casi è, senza dubbio, l’eccitazione condizionata.

Eccitazione condizionata cos'è e chi ne soffre
L’eccitazione condizionata è un disturbo del quale soffrono sempre più persone (lintellettualedissidente.it)

Questo particolare disturbo può accompagnarci anche per lunghi periodi della nostra vita, influenzandone la qualità e il nostro benessere. In che modo? Qui vi spiegheremo per filo e per segno di cosa si tratta, come prevenirlo e come, eventualmente, eliminarlo se iniziate a soffrirne. Se avete problemi a dormire in tranquillità, siete finiti nel posto giusto.

Cos’è l’eccitazione condizionata e come prevenirla

L’eccitazione condizionata è uno stato di eccitazione dovuto a qualcosa che ci tiene svegli e in allerta. Fin qui niente di particolare, se non fosse che si verifica quando siamo a letto, stanchi morti, e impedisce di addormentarci con serenità. Si manifesta proprio quando siamo pronti per dormire, iniziando a girarci continuamente e rimanendo con gli occhi sbarrati. Purtroppo, questo non accade sporadicamente, tutt’altro. È un disturbo che tende ad autoalimentarsi, notte dopo notte, pregiudicando seriamente la nostra qualità del sonno e della vita.

Eccitazione condizionata cos'è e chi ne soffre
Utilizzare dispositivi elettronici a letto contribuisce all’eccitazione condizionata (lintellettualedissidente.it)

Gli esperti spiegano che il problema ha un’origine soprattutto psicologica e ambientale. È sicuramente vero che una delle cause principali per la quale iniziamo a soffrire di eccitazione condizionata è l’utilizzo di dispositivi elettronici quando siamo a letto, dagli smartphone ai laptop. Questi dispositivi influenzano negativamente, già per conto loro, la capacità di addormentarsi in modo sereno, ma in realtà è il nostro cervello che attiva un meccanismo che, conseguentemente, porta all’eccitazione condizionata. Infatti, esso associa un’attività di veglia allo stare a letto, e impedisce di addormentarci per proseguire tali attività, anche quando siamo pronti a dormire.

Il modo migliore per prevenire tutto questo – ed eventualmente “curarlo” – è dunque quello di evitare a tutti i costi di utilizzare tali dispositivi a letto per tempi prolungati. In questo modo, il nostro cervello si riabituerà ad associare al nostro stare a letto l’attività di dormire, favorendone la riuscita più serenamente. Se soffrite di questo disturbo, state pur certi che le prime notti non saranno semplici, ma con pazienza e buona volontà tornerete a dormire tra due guanciali. Letteralmente.

Impostazioni privacy