A che ora andate a letto? È questa l’ora giusta per andare a dormire

Foto dell'autore

By Gianluca Merla

Riposare gli occhi è la mente è importante, ma quando farlo? Ecco qual è l’ora giusta per andare a dormire

Il nostro organismo può essere considerato una vera e propria macchina, quasi perfetta. Spesso, però, anche questo incredibile macchinario ha necessità di riposarsi, ed è giusto assecondarlo.

Quando andare a dormire
Qual è il momento migliore per andare a dormire? – lintellettualedissidente.it

Dormire, infatti, è un modo eccellente per ripristinare le energie, far riposare il nostro cervello e dare tregua ai nostri occhi. Il riposo, infatti, è fondamentale per il benessere del nostro organismo e privarsene (nei casi eccessivi) può rivelarsi addirittura letale. Ma qual è l’ora giusta per andare a dormire? Un team di scienziati ha provato a rispondere a questa domanda, ricavando quella che sembra essere l’ora giusta per andare a letto.

Ecco qual è l’ora giusta per andare a dormire

Dormire male, ad intervalli irregolari o, addirittura, non dormire, può essere molto deleterio per la nostra salute. Proprio per questo un gruppo di scienziati inglesi ha voluto indagare in maniera approfondita per capire se c’è e qual è l’ora giusta per andare a dormire. Secondo i primi risultati, infatti, ad essere fondamentale non è tanto la quantità di ore in cui si dorme, ma il momento in cui si decide di andare a letto.

Quando andare a dormire
Qual è il momento migliore per andare a dormire? – lintellettualedissidente.it

I ricercatori, infatti, hanno studiato, tra il 2006 e il 2010, una campione di circa 88mila cittadini. Ognuno di loro, tramite un sensore installato al polso, registrava il momento in cui andava a dormire e si svegliava. I risultati della ricerca hanno evidenziato un dato davvero interessante: coloro che andavano a letto dopo la mezzanotte, avevano una possibilità maggiore, rispetto a chi andava a letto prima, di contrarre malattie cardiovascolari. Lo stesso risultato è stato raggiunto da chi andava a dormire prima delle 22; mentre, chi si metteva a letto tra le 23 e la mezzanotte, dimezzava lo stesso rischio.

Secondo le conclusioni degli studiosi che hanno condotto la ricerca, ad essere determinante è il fattore “orologio biologico“. L’andamento del nostro sonno, infatti, dovrebbe seguire le normali tempistiche del nostro organismo. Dormire è una necessità naturale di ognuno di noi e, quindi, non dovremmo alterare questo comportamento, soprattutto mediante cellulari e altri dispositivi elettronici. Il consiglio dei ricercatori, quindi, è quello di “ripristinare” il proprio orologio biologico, assumendo la buona abitudine di coricarsi tra le 23 e la mezzanotte. Inoltre, come dimostrato dalla ricerca, è sconsigliato andare a dormire troppo tardi (ovvero dopo la mezzanotte) e addirittura troppo presto, quindi prima delle 22.

Impostazioni privacy