La Bestia 666: L’enigmatica Vita di Aleister Crowley raccontata da John Symonds

Foto dell'autore

By Ignazio Taormina

Il mondo della letteratura è stato spesso popolato da personaggi controversi e sfuggenti, ma pochi come Aleister Crowley hanno suscitato tanto interesse e fascinazione. Questo personaggio enigmatico e diabolico è stato oggetto di numerosi libri e studi, ma uno dei più noti è “La Bestia 666” di John Symonds. In questo articolo, esploreremo il contenuto di questo libro affascinante e controverso, evitando l’uso di parole come “inoltre” o “tuttavia”.

[amazon bestseller= “Bestia 666 John Symonds”]

Aleister Crowley, chi era la “bestia”?

Aleister Crowley, nato in Inghilterra nel 1875, è stato uno dei più famosi occultisti del suo tempo. Conosciuto anche come “La Bestia”, Crowley ha intrapreso una vita di eccessi, sperimentazioni occulte, e ha fondato la sua stessa religione, Thelema. La sua reputazione di mago nero, scrittore provocatorio e figura pubblica scandalosa lo ha reso sia amato che odiato, ma la sua eredità rimane indiscutibile.

Il libro “La Bestia 666” di John Symonds è una biografia accurata e approfondita di Crowley, scritta in modo coinvolgente e documentata con attenzione. Symonds, un biografo britannico, si è dedicato a lungo allo studio della vita di Crowley e ha cercato di svelare l’uomo dietro il mito. Nel suo libro, Symonds esplora la vita di Crowley dall’infanzia alla morte, mettendo in luce le sue esperienze di vita, le sue opere letterarie, le sue teorie occulte e la sua influenza sulla cultura contemporanea.

John Symonds nel suo racconto “La Bestia 666” ci racconta Aleister Crowley

Una delle caratteristiche più notevoli di “La Bestia 666” è l’approccio oggettivo di Symonds alla biografia di Crowley. Invece di condannare o lodare incondizionatamente il suo soggetto, Symonds cerca di capire le motivazioni e i contesti storici che hanno influenzato la vita di Crowley. Symonds non si lascia coinvolgere dai pregiudizi comuni su Crowley come un semplice “mago nero”, ma cerca di analizzare le diverse sfaccettature della sua personalità complessa.

Un aspetto particolarmente affascinante del libro di Symonds è la sua descrizione delle opere letterarie di Crowley. Questo mago controverso è stato anche un prolifico scrittore, con una vasta produzione di poesie, romanzi e testi teorici sull’occultismo. Symonds esamina in dettaglio molte delle opere più importanti di Crowley, tra cui “The Book of the Law”, che è considerato il testo sacro del Thelema, e “Magick in Theory and Practice”, che offre una panoramica completa della sua filosofia magica.

L’autore ci rappresenta tutte le contraddizioni di Aleister Crowley

Symonds non esita a evidenziare le contraddizioni e le ambiguità presenti nelle opere di Crowley. Mentre riconosce la complessità e l’originalità delle sue idee, Symonds mette anche in luce i limiti e i punti deboli delle teorie di Aleister. Questo approccio critico e obiettivo fa sì che “La Bestia 666” di John Symonds sia una biografia completa e accurata di Crowley, offrendo ai lettori una visione equilibrata e dettagliata della vita e delle opere di questo personaggio controverso.

Oltre alla sua analisi delle opere letterarie di Crowley, Symonds esplora anche le sue esperienze di vita e la sua influenza sulla cultura contemporanea. Ad esempio, Symonds tratta in dettaglio della sua partecipazione all’Ordine degli Illuminati d’Oriente, una società segreta di occultisti di cui Crowley è stato un membro prominente. Symonds analizza il ruolo di Crowley all’interno dell’ordine, le sue controversie con altri membri e le sue idee sulla magia e la spiritualità.

Tuttavia, Symonds non si limita a descrivere solo gli aspetti positivi della vita della bestia. Il libro affronta anche le sue debolezze e i suoi fallimenti, tra cui la sua dipendenza dall’alcool e alle droghe, i suoi numerosi fallimenti matrimoniali e le sue azioni controverse, come la partecipazione a rituali sessuali e l’adesione a pratiche che erano considerate immorali dalla società dell’epoca.

L’autore non evita nemmeno temi come la religione, ed il chiaro riferimento del 666 che genera pochi dubbi sul satanismo di Crowley

Symonds non evita nemmeno di esplorare gli aspetti oscuri e controversi del Thelema, la religione fondata da Crowley. Mentre riconosce l’importanza del Thelema come sistema di credenze per Crowley e per i suoi seguaci, Symonds pone anche l’accento sui suoi aspetti controversi, come la sua enfasi sull’individualismo estremo e la sua concezione della magia come strumento di volontà e potere personale.

Inoltre, Symonds analizza anche la percezione pubblica di Crowley durante la sua vita e dopo la sua morte. Mentre alcuni lo hanno considerato un genio visionario, altri lo hanno visto come un pericoloso ciarlatano o addirittura un criminale. Symonds esplora come Crowley sia stato trattato dai media, dalla società e dagli studiosi, e come la sua immagine sia cambiata nel corso del tempo.

Symonds lascia libera interpretazione al lettore

Nonostante la sua analisi accurata e dettagliata, Symonds non offre una valutazione finale o un giudizio definitivo su Crowley. Lascia ai lettori la possibilità di trarre le loro conclusioni sulla complessa figura di Crowley e sulla sua eredità. Questo approccio equilibrato e obiettivo rende “La Bestia 666” una lettura stimolante e sfaccettata per chiunque sia interessato alla vita e alle opere di Aleister Crowley.

In sintesi, “La Bestia 666” di John Symonds è un libro affascinante e completo sulla vita di Aleister Crowley, uno dei più noti occultisti della storia. Symonds offre una biografia oggettiva e dettagliata di Crowley, esplorando le sue opere letterarie, le sue esperienze di vita, la sua religione del Thelema e la sua influenza sulla cultura contemporanea

Impostazioni privacy