Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Trovato il corpo di una donna in un parco a Roma. Era lì da un anno

Foto dell'autore

Gianluca Merla

L’episodio è avvenuto durante dei lavori alle porte di Roma: trovato il corpo di una donna in un parco. Si trovava lì da più di un anno

Dovevano essere normali lavori di manutenzione stradale, ma si sono trasformati in un vero e proprio mistero il quale, per essere davvero risolto, richiederà molto tempo e risorse.

Corpo donna Roma
Trovato il corpo di una donna in via Fieramosca, a Roma – L’intellettualedissidente.it

Ma partiamo dall’inizio: nella mattinata di sabato primo luglio 2023 è stato ritrovato il corpo di una donna in un parco nella periferia di Roma, in via Ettore Fieramosca 114. Il corpo è stato ritrovato durante alcuni lavori di manutenzione stradale che hanno interessato quella zona del pigneto. Ad attirare l’attenzione degli addetti ai lavori è stato uno scheletro “riemerso” mentre i lavori procedevano normalmente, e di cui non si sospettava minimamente l’esistenza. Il corpo apparterrebbe ad una donna e, secondo le prime analisi, starebbe lì da circa un anno, massimo un anno e mezzo.

Ritrovato lo scheletro di una donna: aveva con sé una collanina

Chissà che cosa avranno pensato gli addetti ai lavori che, intenti a portare avanti i loro compiti durante una calda mattinata di luglio, si sono ritrovati davanti ad un mistero in cui non avrebbero mai pensato di essere coinvolti. Quello del ritrovamento dello scheletro in via Ettore Fieramosca, infatti, rappresenta un vero grattacapo per periti ed esperti che si occuperanno di dare un nome – e possibilmente un volto – al corpo senza vita rinvenuto dagli operatori.

Corpo donna Roma
Gli addetti ai lavori hanno rinvenuto il corpo mentre stavano utilizzando l’escavatore (Credits foto: Ansa) – L’intellettualedissidente.it

A ritrovarlo è stato un operatore, o al massimo due, che erano intenti a fare delle perforazioni con uno scavatore meccanico. Durante la pulizia del terreno con il macchinario, infatti, è stato rinvenuto anche il misterioso scheletro, sotto gli occhi increduli degli addetti ai lavori. Il corpo era all’interno di un canale di scolo della zona ed è stato tirato su dal braccio meccanico dell’escavatore. A seguito del ritrovamento, i lavori sono stati bloccati e gli operatori lì presenti hanno immediatamente avvisato i Carabinieri.

Insieme al corpo ritrovata anche una collanina

Raggiunto il luogo del ritrovamento, i carabinieri della Compagnia Roma Piazza Dante, insieme alla consulenza del medico legale, hanno effettuato un sopralluogo e le dovute verifiche. A seguito di una prima verifica dello scheletro rinvenuto, gli specialisti dell’Arma hanno notato anche una collanina di argento che era attorno al collo. Secondo le prime informazioni, si tratta di un modello semplice e sottile, privo di ciondoli, frasi o scritte particolari che avrebbero potuto rimandare ad un nome o ad un riferimento specifico.

Corpo donna Roma
Sarebbe di una donna il corpo ritrovato nella periferia di Roma (Credits foto: Ansa) – L’intellettualedissidente.it

Al momento sembra essere questo l’unico indizio in mano al Dipartimento di Medicina Legale, l’organo incaricato di far luce sulla questione. Tuttavia, secondo le prime analisi, la dimensione e la forma del cranio e di altri componenti dello scheletro avrebbe portato gli esperti a fare le prime, concrete ipotesi. Il corpo ritrovato alla periferia di Roma sarebbe di una donna che, al momento del decesso, aveva un’età di circa trent’anni, e si troverebbe lì da circa un anno.

Insieme alla collanina d’argento, sono stati ritrovati anche dei pezzi di stoffa rovinata. Il materiale farebbe pensare ai vestiti della donna, oltre a parti di uno zaino. Un mistero incredibilmente complesso che potrebbe però essere risolto da specialisti e ricercatori. Nel tentativo di accelerare la realizzazione di un identikit del corpo della donna ritrovato nel parco alla periferia di Roma, i carabinieri stanno scandagliando all’interno del proprio database i profili di persone che sono scomparse da circa un anno. Grazie a questi rilievi potrebbe essere possibile accelerare la ricerca ed ottenere un profilo corrispondente a quello del corpo ritrovato.

Impostazioni privacy