Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

I segni sul viso di Biden non sono l’ennesima gaffe. Sono peggio

Foto dell'autore

Paolo Zignani

E’ veramente in buona salute il presidente degli Stati Uniti? I dubbi crescono, dopo l’ultima rivelazione, da parte del suo portavoce

Durante una recente conferenza stampa alla Casa Bianca Joe Biden portava sul volto, da entrambi i lati, alcuni segni particolari. I giornalisti, al termine dell’evento, hanno inevitabilmente chiesto i motivi di quella leggera deformazione. Così uno dei portavoce della massima carica americana, Andrew Bates, ha dato l’attesa risposta. Ebbene, il presidente la sera prima aveva usato una macchina a pressione continua nelle vie respiratorie, una CPAP. E quindi ne portava le impronte.

segni viso Biden non sono ennesima gaffe sono peggio
Joe Biden ride di una sua gaffe – lintellettualedissidente.it Ansafoto

Il fatto è che Joe Biden soffre di apnea notturna. Quindi da qualche settimana, prima di dormire, indossa l’apparecchio sanitario che diventa indispensabile. La sua respirazione si interrompe nel corso del sonno. Ha bisogno della CPAP. L’effetto è un flusso d’aria continuo che tiene aperte le vie respiratorie, permettendo al paziente di ricevere l’ossigeno di cui ha bisogno. Una cura piuttosto comune, per una persona di 80 anni. L’importante paziente però ha un precedente. Nel 2008 già aveva patito dello stesso disturbo.

Rispunta un problema di salute nell’anziano leader

Era stato lo stesso Biden a renderlo noto, negli anni della sua vicepresidenza, estesa dal 2009 al 2017. Il dato sanitario fa pensare, dal momento che non compare nei rapporti stilati e pubblicati dal suo medico personale nel 2021 e nel 2023. Si sa invece con certezza, poiché viene riferito nel rapporto del medico, che Biden era stato operato più volte al setto nasale nel 2019. Era l’anno in cui si stava preparando alle elezioni presidenziali.

segni viso Biden non sono ennesima gaffe sono peggio
Il presidente Joe Biden nella sua tipica positura, con le mani sul podio – lintellettualedissidente.it Ansafoto

L’apnea spesso è collegata a difficoltà cognitive, come scarsa concentrazione e memoria. Ci può essere allora un rapporto con le continue, clamorose gaffe del presidente? E, soprattutto, è in condizioni tali da finire il mandato? Torna alla mente l’allerta lanciato due anni fa, in luglio, dall’ex medico della Casa Bianca, Ronny Jackson.

Il presidente ha il pieno controllo di se stesso?

E’ vero: Jackson oggi è un deputato del Congresso e siede tra i Repubblicani, quindi è un avversario politico. L’ex medico ha in ogni caso sostenuto che Joe Biden probabilmente non concluderà il mandato. Il motivo è che “la sua mente non è lucida”. Esplicitamente, Jackson ha parlato di un “declino cognitivo sotto gli occhi di tutti da anni”. Anzi non dovrebbe nemmeno essere presidente, per le condizioni in cui si trova.

segni viso Biden non sono ennesima gaffe sono peggio
Maschere CPAP, come ne utilizza Joe Biden – lintellettualedissidente.it Ansafoto

Il nume tutelare di Jackson è Ippocrate o Donald Trump? Si può dubitare fino a un certo punto, dato che è stato proprio Jackson a curare gli ex presidenti Barack Obama, Donald Trump e George W. Bush, dopo una carriera di 25 anni, sempre come camice bianco, nella Marina. Lo stesso Biden lo ha scelto per sé e la propria famiglia, esattamente come i tre predecessori. Le complicazioni per l’ex militare sono cominciate da quando si è occupato della salute fisica e psichica dell’attuale presidente.

Il suo ex medico: “La sua mente non è lucida”

Ronny Jackson, avvertendo il Congresso e i massmedia di un problema di salute mentale, non poteva entrare nei dettagli né render nota una vera e propria diagnosi. Genericamente, quindi, indicava un “declino cognitivo legato all’età”. Insomma Biden stava già perdendo la memoria e anzi arrivava a scordare delle informazioni apprese da poco. Al punto da richiederle più volte. Difficoltà non da poco, che costringe il presidente a usare dei mezzi di ausilio alla memoria.

segni viso Biden non sono ennesima gaffe sono peggio
Ronny Jackson, ammiraglio e medico – lintellettualedissidente.it Ansafoto

L’anno scorso Joe Biden ha inavvertitamente lasciato in evidenza il foglio di istruzioni che i suoi collaboratori gli avevano scritto, per ricordargli che cosa doveva fare. Erano indicazioni pratiche: salire sul palco, avvicinare il microfono, salutare i presenti prima e dopo il discorso, uscire a destra, poi andare a sinistra. I giornalisti hanno potuto ingrandire il fermo immagine di quel foglio di istruzioni e hanno constatato che dottor Ronny Jackson aveva detto la verità.

Biden, purtroppo per lui, non è stato nemmeno in condizione di tener segrete quelle istruzioni. Addirittura ha letto pubblicamente uno di quei fogli, al termine di un discorso, come se ne facesse parte. Insomma, per il senso del tempo, confonde le date, non capisce che cosa succede intorno a lui. Ha addirittura allucinazioni di persone che non esistono. E fissa il vuoto. E fa discorsi che nessuno capisce.

E il “declino cognitivo” progredisce continuamente

I Repubblicani, da parte loro, hanno insistito per rendere pubblici i risultati di un check-up del 2021: E’ però rimasto sempre segreto. La Casa Bianca ha fatto il possibile per difendere il presidente dagli attacchi dei denigratori, che usano spesso l’argomento del declino cognitivo. Sono stati spesi molti soldi in una campagna tesa a presentare al pubblico le famose gaffe come fake news.

segni viso Biden non sono ennesima gaffe sono peggio
Joe Biden nelle ombre della sera – lintellettualedissidente.it Ansafoto

Intanto Joe Biden peggiora. E’ caduto dalla bicicletta da corsa da fermo. Ha appuntato una medaglia sulla schiena di un veterano, anziché sul petto. Recentemente ha confuso la guerra d’Ucraina con l’altra guerra, contro l’Iraq. Il presidente se la cava sorridendo, con i suoi modi garbati e gioviali che piacciono al pubblico americano. Con tutto il rispetto che merita Joe Biden per la sua carica, e anche per la sua età, è però sempre più chiaro che nella Casa Bianca c’è un problema. Anche perché Biden vuole ricandidarsi, mentre i Repubblicani sosterrebbero il suo rivale Donald Trump, 77 anni.

Impostazioni privacy