Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Quando sono nate le passerelle e perché l’Italia è la patria delle sfilate: le date dei Big 4 della Settimana della Moda

Foto dell'autore

Simone Scalas

Le passerelle di moda sono suggestivi palcoscenici sui quali gli stilisti presentano le loro creazioni agli occhi del Mondo. Partecipano in genere personaggi dello star system internazionale interessati agli eventi mondani. Pochi sanno però quando sono nati questi eventi particolari e che esiste un calendario ufficiale.

Le passerelle di moda non sono un’invenzione recente ma risalgono a diversi secoli fa. Ciò nonostante il concetto di moda così come lo conosciamo oggi affonda le sue origini nel XIX secolo, quando Parigi divenne il centro della moda internazionale. Nel 1858 per la prima volta si parlò di una sfilata di moda grazie all’iniziativa di Charles Frederick Worth. È considerato il primo vero stilista della storia. Worth era un sarto britannico che lavorava a Parigi e decise di presentare tramite una sfilata la sua collezione di abiti alla sua clientela esclusiva.

Questo evento diede inizio a una nuova era per l’industria della moda e le sfilate divennero una parte fondamentale del processo di presentazione delle nuove collezioni. Da quelle prime esperienze, questi eventi eleganti, ma eccentrici allo stesso tempo, si sono evoluti, diventando sempre più spettacolari e influenti. Parigi è rimasta a lungo la capitale indiscussa della moda, ma nel corso degli anni lo scettro le è stato rubato da Milano, New York e Londra. Sono queste quattro grandi città a essere considerate il fulcro delle sfilate internazionali. Ed è qui che si organizzarono gli eventi principali.

Sempre al primo posto il Made in Italy

Quando sono nate le passerelle di moda? Nel XIX e l’Italia non ha impiegato molto a diventare la patria della moda. È successo grazie alla combinazione di fattori unici che hanno contribuito al successo nel settore. Il primo fattore è sicuramente il ricco patrimonio artigianale del paese, che ha secoli di tradizione nella produzione dei tessuti pregiati e abbigliamento di alta qualità. Questa maestria artigianale viene trasmessa di generazione in generazione e ha posto le basi per la formazione di numerosi marchi di moda rinomati tutto il Mondo.

L’Italia vanta inoltre una cultura del design e dell’estetica che riguarda non solo l’abbigliamento ma anche l’architettura e l’arte. Città come Milano sono tradizionalmente al centro dell’innovazione e della creatività nel campo della moda. È per questo che ospita importanti fiere e sfilate che attirano l’attenzione globale. Inoltre, gli stilisti italiani sono noti per il loro pensiero audace e perché riescono a mescolare abilmente la tradizione con la modernità. Questa capacità permette di reinventare costantemente stili e abbinamenti. Messa insieme all’eccellenza artigianale otteniamo così la reputazione di patria della moda.

Quando sono nate le passerelle e cosa prevede il programma 2024

Le Big 4 Fashion Week, cioè gli eventi chiave a cui partecipano i più grandi stilisti attuali con le loro collezioni, si svolgono nei mesi di febbraio marzo e di settembre ottobre. La New York Fashion Week ha avuto luogo dal 9 al 14 febbraio e avrà luogo dal 6 all’11 settembre. La London Fashion Week segue quella di New York, infatti è stata organizzata 16 al 22 febbraio. La prossima sarà a settembre ma dal 9 all’11 giugno ci sarà un ulteriore evento per le collezioni primavera-estate 2025. A Milano la settimana della moda si è svolta dal 20 al 26 febbraio e la prossima sfilata primavera-estate è provvisoriamente programmata dal 17 al 23 settembre. Ma ci sarà anche un evento dal 15 al 19 giugno.

In questo modo è possibile avere un’ampia panoramica di tutte quelle che sono le novità nel campo della moda. Gli appassionati possono rimanere aggiornati sulle nuove tendenze e sulle presentazioni delle collezioni. Per chi vuole partecipare si consiglia di visitare i siti appositi in cui si possono avere le conferme delle date e delle notizie aggiornate.

Impostazioni privacy