Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

C’è una ragazza accusata di stupro

Foto dell'autore

Gianluca Merla

Quando sono avvenuti i fatti gli indagati erano tutti minorenni. Ma nel processo c’è anche una ragazza accusata di stupro

È stato chiesto il rinvio a giudizio per due ragazzi e una ragazza, accusati di stupro durante una notte folle a Capodanno. All’epoca dei fatti erano minorenni, dunque i loro nomi non sono stati resi pubblici.

Ragazza accusato di stupro
Una ragazza è accusata di stupro, insieme ad altri due indiziati (Immagine d’archivio Ansa) – L’intellettualedissidente.it

Le accuse parlano di violenza sessuale nei confronti di un’altra ragazza durante la festa di Capodanno del 2020. Lo stupro sarebbe avvenuto all’interno di una villetta di Primavalle, a Roma e, secondo gli inquirenti, la violenza sarebbe avvenuta più volte durante la notte. Il 23 gennaio è prevista l’udienza preliminare.

E’ accaduto a Capodanno

Una notte di terrore e paura quella che passata una ragazza durante la festa di Capodanno nel 2020, dunque tre anni fa. La violenza sessuale, avvenuta all’interno di una villetta romana, sarebbe stata perpetrata da due ragazzi e un’altra ragazza. Tutti saranno quindi coinvolti nel processo che, fa sapere il Corriere della Sera, dovrebbe iniziare il 23 gennaio del prossimo anno.  Ma a fare notizia è la presenza di una ragazza nella lista di coloro che hanno ricevuto un avviso di garanzia per violenza sessuale.

Ragazza accusato di stupro
Il processo inizierà a gennaio del 2024 (Ansa) – L’Intellettualedissidente.it

Il processo vedrà anche un ulteriore filone di indagine. Questo riguarda coloro che sono accusati di aver portato all’interno di una villetta alcune dosi di droga, consumata durante la festa. La chiusura dell’indagine è arrivata lo scorso gennaio, tuttavia non sono state ancora fatte richieste di rinvio a giudizio dalla Procura competente. Secondo una prima ricostruzione, due dei ragazzi coinvolti avrebbero violentato sessualmente la giovane all’interno di un bagno al primo piano della villetta. Secondo quanto ricostruito dai pm, uno dei ragazzi faceva da palo, mentre l’altro perpetrava la violenza. Qualche ora dopo, la ragazza si sarebbe stesa sul letto e sarebbe stata nuovamente violentata, mentre un’ora dopo si sarebbe ripetuta una terza violenza con un rapporto a tre. L’accusa parla di cinque episodi di violenza durante la stessa notte.

Una notte di terrore, dunque, per la giovane ragazza allora minorenne. La vittima ha raccontato ai giudici dicendo che uno degli indagati l’ha presa per mano e l’ha portata direttamente in bagno. “Una volta entrati – riferisce la ragazza – ho emozioni, flash, sentimenti”. Dice che in quel momento non stava male fisicamente, ma sentiva di non riuscire più a ragionare e a capire la situazione. “Avevo perso la coscienza“. Qualche minuto prima dello scoccare della mezzanotte, ha riferito la ragazza, qualcuno le ha dato una sigaretta bagnata. È stato da quel momento, afferma, che ha iniziato a sentirsi male.

Impostazioni privacy