Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Tumore al polmone, rivelato perché si scopre quando è troppo tardi: la colpa è nostra

Foto dell'autore

Olga Luce

Il tumore al polmone è la principale causa di morte per ragioni oncologiche in Italia: perché non riusciamo a diagnosticarlo prima?

Purtroppo i dati riportano che, quando viene diagnosticato un tumore al polmone, il paziente ha poche probabilità di sopravvivere a lungo. Il motivo è che questo male è molto subdolo e, nella prima fase del suo sviluppo, comunque molto lunga, non è sintomatico. Per questo motivo nella maggior parte dei casi viene diagnosticato soltanto quando è ormai in fase metastatica. Il che implica che solo un paziente su 10 vive per 5 anni dopo il responso.

Perché il tumore ai polmoni vien e diagnosticato tardi
Per quale motivo il tumore al polmone si scopre troppo tardi? La colpa è nostra – lintelletualedissidente.it

La principale causa di tumore al polmone naturalmente è il fumo di sigaretta, dannoso sia quando è attivo sia quando lo si respira in maniera passiva. Rispetto a coloro che non hanno mai fumato in vita propria o che lo hanno fatto in maniera saltuaria, i fumatori incalliti hanno il 14% di possibilità in più di sviluppare il tumore ai polmoni e, se si fumano più di un pacchetto al giorno, il rischio sale al 20% in più.

Tra i sintomi più riconoscibili del tumore al polmone – che come abbiamo detto per lungo tempo rimane praticamente asintomatico – sono fiato corto, dolore al petto lieve ma persistente, che però diventa più intenso quando si tossisce, e raucedine. Anche la presenza di sangue nei muchi è un segnale rivelatore, così come lo sono la stanchezza persistente e una immotivata perdita di peso, nonché la tendenza ad ammalarsi spesso di patologie a carico dei polmoni.

Perché la diagnosi del tumore al polmone avviene in ritardo?

Nella maggior parte dei casi il tumore al polmone non viene diagnosticato in tempo perché le persone a rischio non si sottopongono a uno screen periodico di controllo. In genere, i motivi per cui non lo si fa sono di natura psicologica, cioè sono legati a un blocco che ci “protegge” dalla possibilità di ricevere una brutta notizia.

Tumore ai polmoni: i motivi per cui viene diagnosticato tardi
Il tumore ai polmoni è per molto tempo asintomatico – lintellettualedissidente.it

Questa reazione è perfettamente comprensibile se si pensa che il tumore al polmone è considerato uno stigma molto grave: chi riceve la diagnosi prima di tutto viene spesso incolpato di essersi procurato il male da solo (nel caso in cui sia fumatore) e in seconda battuta diventa consapevole di non poter vivere a lungo.

Paradossalmente, solo superando la paura dello screening si possono aumentare le proprie possibilità di sopravvivenza al cancro, quindi è necessario controllarsi periodicamente. Infine, uno dei motivi principali per cui le persone a rischio non si sottopongono ai controlli di routine è che la procedura per ottenerli spesso è lunga e complessa, inoltre risulta onerosa per molti pazienti.

Impostazioni privacy