Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Neurologia, le 5 regole d’oro che aiutano a prevenire il declino cognitivo

Foto dell'autore

Sebastiano Spinelli

Vuoi evitare di soffrire di un declino cognitivo? Tieni a mente queste cinque regole allora: ti salveranno la vita.

La neurologia, come sappiamo, è la scienza che studia il funzionamento del cervello. Le analisi che vengono fatte in merito sono tantissime ed aumentano di anno in anno. Questo significa che informarsi sull’argomento può essere d’aiuto per prevenire dei declini cognitivi. In futuro potrebbero aggravare la memoria del nostro cervello. Tuttavia sembra che ci siano delle attività che potrebbero prevenire il problema.

Come allenare la memoria per prevenire i declini cognitivi
In questo modo migliorerai la memoria: prova i metodi – IntellettualeDissidente.it

Purtroppo a partire dai 60 anni iniziano a manifestarsi dei problemi di memoria molto accentuati. Questo è dovuto all’invecchiamento cerebrale, ed è una situazione da cui non si può scappare. Per fortuna la neurobiologa Nadja Schröder, una specialista in scienze biologiche dell’Università Federale del Rio Grande do Sul (in Brasile), ha parlato del problema. Ha suggerito cinque abitudini che potrebbero fare molto bene alla nostra sanità mentale.

I declini cognitivi arriveranno, ma ci sono 5 modi per prevenirli: li consiglia una esperta

Ma quali sono? Uno dei primi consiste nel mantenere uno stile di vita sano. In questo caso fare attività fisica, dormire bene, seguire una dieta equilibrata e stare a contatto con l’aperto è molto importante. Poi prosegue con la socializzazione, spiegando che le relazioni sociali hanno un impatto positivo sulla memoria. Partecipare ad attività di gruppo e frequentarle spesso è un ottimo modo per prevenire i declini cognitivi.

Come allenare la memoria per prevenire i declini cognitivi
Come puoi allenare la memoria: segui i consigli – IntellettualeDissidente.it

Inoltre consiglia anche di controllare lo stress e l’ansia. Ogni anno vengono proposte tecniche di rilassamento e terapie per rilassarsi il più possibile. Controllare i sentimenti negativi ci aiuterà ad avere una memoria migliore. Anche delle abilità di memorizzazione delle informazioni potrebbero essere di supporto in questo caso. Il gioco, la lettura o l’apprendimento di nuove lingue aiutano a mantenere la memoria allenata. Infine, l’esperta suggerisce di scoprire sempre più nuove tecnologie.

Per esercitare il cervello è importante scoprire nuove app o giochi progettati per il miglioramento della memoria. Cercare di sfruttare la tecnologia a proprio vantaggio è un’ottima idea per allenare il cervello. Questi sono i consigli di una neurobiologa molto esperta in questo campo: seguirli ci aiuterà a stare bene. Non sono difficili da capire e sono alla portata di tutti, ecco perché funzionano senza problemi. E voi avevate mai provato a tenere allenata la vostra mente?

Impostazioni privacy