La complessità di un mosaico difficilmente si apprezza appieno se ci si concentra troppo sul dettaglio. Ciò vale sicuramente per il Vicino e Medio Oriente: dal Qatar alla Libia, passando per l’Iran e la Turchia, si gioca in queste ore una partita fondamentale per gli equilibri geo-politici dell’intera regione. Il grande Impero a stelle e strisce, da cui volenti o nolenti bisogna partire per non rischiare l’astrazione teorica, ha iniziato ad invertire la rotta. Sembra infatti abbandonata la svolta millennial di Obama e il suo goffo tentativo di uniformare il mondo arabo alla sensibilità (sic!) politica delle democrazie liberali: del discorso impegnato all’Università Al-Ahzar e delle primavere arabe non rimangono che macerie, di cui l’umanità sofferente purtroppo pagherà il prezzo per molti anni a venire. La Presidenza Trump ha riannodato le fila della politica estera americana, tornando all’alleato di sempre, l’Arabia Saudita; a cui – non a caso – la avvicinò uno dei più grandi doppiogiochisti della storia recente, Harry Saint John Bridger Philby, alias Sheikh Abdullah, che tanto bene figurerebbe nel panorama attuale. Un panorama fatto di zone di influenza che cambiano continuamente colore, di investimenti che sostituiscono le armi come strumento di conquista, di armi che devono comunque trovare nuovi mercati e di una impressionante opera di disinformazione.

Harry Saint John Bridger Philby per saperne di più sul suo ruolo in Arabia Saudita qui

Harry Saint John Bridger Philby era convinto del fatto che gli interessi Britannici e della famiglia Saud avrebbero avuto modo di realizzarsi nel migliore dei modi se la penisola Araba fosse stata sotto il controllo di un unico governo, che avrebbe dovuto espandere la propria influenza dal Mar Rosso fino al Golfo di Persia. I Sauditi avrebbero dovuto soppiantare gli Hashemiti in qualità di “Custodi dei Luoghi Sacri” e nel frattempo avrebbero avuto il compito di proteggere i luoghi di attracco delle navi commerciali sulla rotta di commercio dell’impero Britannico Suez–Aden–Bombay

Diciamolo chiaramente: nessuno, oggi, sarebbe innocente di fronte al proprio Dio, qualunque esso sia. Non lo sarebbe, in primis, per quella sporca guerra su commissione che è la guerra siriana, ignobile e inaccettabile quanto fu quella balcanica. Ai molti che si chiedono, pertanto, del legame tra Stati Uniti e Arabia Saudita, denunciandolo a gran voce come un insopportabile matrimonio di convenienza, bisognerebbe presentare il triste menù del mondo, più ricco di Prìncipi (e dei loro denari) che di princìpi. La guerra tra sciiti e sunniti ha assunto infatti una dimensione globale, che va ben oltre i conflitti nella regione, spaziando dall’Europa all’America Latina, fino all’Algeria, che, nel silenzio dei più, rischia di finire nel vortice della destabilizzazione. È un mondo, quello in cui viviamo, in cui scorre una forza sotterranea e impetuosa, che rivendica un suo spazio, nonostante i profeti del Nuovo Mondo vorrebbero annientarla: l’identità di popolo, e la sua sorella germana, la nazione. E si sprigiona ovunque, spazzando via tutto quello che trova sulla sua strada. È difficile per la filosofia mondialista comprendere appieno il ruolo della Russia, dell’Iran e della Cina senza assaporare le basi millenarie del pensiero e delle tradizioni di questi grandi popoli della storia umana, che faticano a rientrare nello stereotipo della democrazia occidentale. Non sorprende dunque che a pagarne le spese sia stato il Qatar, inafferabile ibrido di modernità e tradizione, tanto da non essere né l’uno né l’altro: e che ora rischia di affondare, insieme ad una “Terza Via” fatta di affari, Islam e modernità. Tutto ciò, neppure un anno dopo il fallito golpe in Turchia, talmente goffo da rappresentare benissimo l’inattuabilità (e il doppiogiochismo) delle politiche estere di Obama. L’asse Qatar-Turchia è lo stesso che scricchiola rumorosamente in Libia, dove il presumibile ritorno sulla scena di Saif al Islam Gheddafi potrebbe chiudere il cerchio di una restaurazione, di governo e di popolo, che stabilizzi definitivamente l’area.

Saif al-Islam Kadhafi, son of Libyan leader Moamer Kadhafi, flashes the V-sign for victory as he appears in front of supporters and journalists in the Libyan capital Tripoli in the early hours of August 23, 2011. Seif al-Islam, wanted by the International Criminal Court for crimes against humanity and who ICC prosecutor Luis Moreno-Ocampo earlier said had been arrested by the rebels, claimed the insurgents had suffered "heavy casualties" when they stormed Kadhafi's Bab al-Azizya compound in Tripoli. AFP PHOTO/ POOL / Dario Lopez-Mills (Photo credit should read DARIO LOPEZ-MILLS/AFP/Getty Images)

Saif al Islam Gheddafi è stato rilasciato sabato dopo quasi sei anni di prigionia (Dario Lopez-Mills/AFP/Getty Images)

Come un virus che infetta un organismo privo di anticorpi, il mondialismo senza patria ha finito per polverizzare le fondamenta del vivere sociale, producendo morte e distruzione, esportandole poi per terra e per mare. Se avremo il coraggio di concentrarci su un oltre-uomo, qualunque credo egli abbracci, qualunque bandiera egli decida di sventolare, potremo edificare un’umanità che sappia superare le miserie di una vita asservita al capitale e al profitto. Rifiutando le logiche opportunistiche di quelli che Nietzsche chiamava “i legionari del momento” e che tanto abbondano nelle stanze di comando. E ripartendo invece dalla dignità del dissenso, rispetto a questo indegno spettacolo che vorrebbero propinarci come “mondo globale”.