Mi sembra capire che la “comandanta” della Sea Watch, dopo essere rimasta in mare per 14 giorni con 42 migranti a bordo in attesa del permesso di approdare a Lampedusa, si sia infine decisa a forzare la mano e ad attraccare. Non so, magari la domanda è stupida, ma nel frattempo, date le condizioni favorevoli del tempo, non si poteva far rotta verso un altro porto, che so io, maltese, greco, francese, spagnolo, per poi piazzarsi piuttosto lì davanti e fare affidamento su un governo almeno a parole più “sensibile” alla questione? Se lo scopo è quello di alleviare le sofferenze dei migranti e non quello di fare politica o alla peggio di consentire a Salvini di farsi un po’ di propaganda a costo zero, non sarebbe stato più saggio optare per questo tipo di soluzione? A me sembra che sulla pelle dei migranti ci stiano ricamando un po’ tutti: chi un tornaconto d’immagine, chi un ritorno economico e chi un vantaggio politico. Magari mi sbaglio, in caso fate voi.