“Il Messia, quello di cui ci parla il Vangelo ed il Corano, di cui leggiamo il cammino di vita, l’etica ed i valori. Il Messia che tornerà in questo mondo. Di chi sarà il partigiano? Questo Messia, per il riorno del quale lavorate, di chi sarà il sostenitore? Sarà il sostenitore dei tiranni, delle marionette, dei faraoni e dei titani?

Sosterrà gli assassini selvaggi e criminali che versano il sangue di millioni di persone con lo scopo di controllare il petrolio, la moneta ed i mercati? Sosterrà quegli uomini senza cuore che sprecano i beni della Terra ed il grano per speculare sul suo prezzo e sul suo valore in Dollari in un momento storico in cui decine di milioni di persone muoiono di fame nel mondo?

È lui Gesù il figlio di Maria? O invece è il Messia che conosciamo e che conoscono i Cristiani, il quale sarà il sotenitore dei deboli, dei poveri, dei bisognosi, degli sfruttati, dei torturati, degli oppressi?”

©proprietà de “L’Intellettuale DIssidente”