AMAZON Ricordare che pochi anni fa si diceva: “Ucciderà la carta”. Poi Jeff Bezos si è comprato il Washington Post, che è un giornale di carta. E aperto una libreria vera, che vende tablet, ebook… e libri di carta. A questo punto aggiungere: “Io se non sfoglio le pagine e non sento l’odore… non è un libro…”.

ARTE CONTEMPORANEA Ormai la comprano anche i cinesi arricchiti. Evitarla.

BIENNALE Si può anche non andarci.

CHARLIE HEBDO A voce alta: “Siamo tutti Charlie!”. Poi sussurrare: “…però, insomma, se la sono cercata…”.

CRITICA Quella sui giornali è un pregiudizio borghese, combatterla. Quella sui blog inutile, ignorarla.

DE LUCA, ERRI: Voi lo leggete da quando sprangava la gente in Lotta continua.

E-BOOK E’ morto.

EXPO Una cosa meravigliosa. Che però poi ha rotto i coglioni.

EUROPA Voi siete per l’Europa delle cattedrali non per quella delle banche da quando Salvini andava alle elementari e i grillini non esistevano ancora.

FELTRINELLI I libri così così, ma le librerie molto belle. “Io pranzo spesso in quella in piazza Gae Aulenti!”. Glissare sul fatto che la tv laeffe sta fallendo.

GIOVANNA D’ARCO: Tranchant: “Una jihadista”.

GIUBILEO Basta con questa storia che è un flop!

HEIDEGGER, MARTIN: Liquidarlo senza appello: “Era un antisemita”. Ripubblicare pure i diari, i quaderni, i saggi…

INTELLETTUALI: “La colpa è dell’Occidente”.

ISLAM A scelta: “Quello moderato non esiste”, oppure: “Non tutti gli islamici sono terroristi” (comunque voi ai musulmani coi piedi puzzolenti in ginocchio in mezzo alla strada gli dareste un calcio nel culo).

LEE, HARPER: “Già Il buio oltre la siepe era un romanzo sopravvalutato…”.

MONDAZZOLI Chiedersi: ma se fosse stata Rizzoli ad acquisire Mondadori, invece del contrario, sarebbe scoppiato lo stesso tutto questo casino? Avanzare dubbi pesantissimi.

MUSEI: “Sono la cattedrale della cultura laica!”. “Non dire stronzate”.

NETFLIX: “Rivoluzionerà la televisione!!”. Lasciar perdere…

NOBEL Vedi la voce “Politicamente corretto”.

“OHHHHHH…” Espressione che strappano certi scrittori da festival che se foste per voi…

PASOLINI, PIER PAOLO Tra sette anni è il centenario della nascita…

PERISCOPE: Una cazzata. Ormai lo usa solo Fiorello.

POLITICAMENTE CORRETTO Non fa così tanti danni come si dice. Ma è stucchevole.

RADICAL CHIC: Ormai sono sul caviale del tramonto.

RAI: Vederla non fa così male. Ma meglio non pagare mai il canone, se lo fai una volta poi ti rintracciano sempre.

RAZZISMO: Quello etnico sta scomparendo, quello culturale sta benissimo. “Fammi un esempio?!” “Marina Berlusconi non capirà mai Elisabetta Sgarbi”.

RENZI, MATTEO. Mettere in cantiere una biografia elogiativa, può servire.

SAVIANO, ROBERTO: “Che fine ha fatto?”.

SCRITTRICI: Attizzare la polemica: “Scrivono molto meglio gli scrittori”.

SCRIVERE: E’ una pratica rivoluzionaria. Pubblicare è borghese. Pubblicare per Berlusconi è un modo per contestare dall’interno il sistema che si vuole abbattere. “Ma non dire cazzate…”.

SELFIE: Ai concerti e ai musei, si può.

STAR WARS: “Serve un uomo forte per salvare la Repubblica”. A pensarci bene, film politicamente molto scorretto.

STORYTELLING: E’ una storia noiosissima.

TESEO, NAVE DI: Se potete, imbarcatevi. Perché? Non si sa.

TWITTER: #jesuisqualsiasicosaètrendtopic

VENEZIA, MOSTRA DEL CINEMA: Film lenti, ma feste pazzesche.

VOLO, FABIO: Rivalutarlo. Chi dice che fa schifo è solo un rosicone (questo però non significa che bisogna davvero leggere i suoi libri).

 

 

Fonte: Dagospia