Ormai nessuno si meraviglia più quando si parla di guerra, il tempo in cui l’Europa era un’isola felice dove i governi tagliavano la spesa militare perché reputata inutile appartiene ad un passato sempre più remoto. La guerra contro il terrore di Bush, che ha portato le truppe europee in Afghanistan ed Iraq, l’intervento in Libia, che ha prodotto la cacciata di Gheddafi, sono solo la punta dell’iceberg. In un post l’europarlamentare del Movimento 5 Stelle, Dario Tamburrano ha elencato le missioni militari europee ed le motivazioni. Vale la pena riportare questa lista per far capire ai lettori dove finiscono le loro tasse:

“EUFOR ALTHEA in Bosnia Erzegovina, dove l’UE ha preso il posto della NATO. Vi partecipa anche Eugendorf, la forza di gendarmeria europea
EUAM nell’impresentabile Ucraina, alla quale viene offerta consulenza nel settore della “sicurezza civile”
EUMM in Georgia, dove l’UE svolge azione di “monitoraggio”
EUPOL in Afghanistan per istruire i poliziotti, con la partecipazione di Eugendorf
EULEX in Kosovo, dedicata allo “sviluppo” della polizia locale ma di cui fanno parte anche reparti antisommossa
EUPOL COPPS ed EUBAM RAFAH nei territori palestinesi: la prima per fornire consulenza alle autorità palestinesi sul ruolo della legge e sulla polizia giudiziaria; la seconda per sorvegliare la frontiera fra la striscia di Gaza e l’Egitto
EUBAM in Libia, dove si vorrebbero aiutare le autorità locali (ma chi detiene il potere nella Libia completamente destabilizzata e dilaniata?) a migliorare la sicurezza dei confini
EUTM ed EUCAP SAHEL in Mali, fondamentamente analoghe: la prima é di nuovo in appoggio alle locali forze di polizia (partecipa Eugendorf) e la seconda per la riforma delle forze locali di sicurezza
EUCAP SAHEL in Niger, per sviluppare le agenzie locali che lottano contro la criminalità
EUMAM RCA nella Repubblica Centrafricana: consulenze all’esercito; anche qui un ruolo per Eugendorf
EUSEC nella Repubblica Democratica del Congo, che offre consulenze e assistenza nella riforma della sicurezza e nella difesa
EUCAP NESTOR in Gibuti, Somalia, Isole Seychelles, Tanzania e Yemen (che é praticamente nella stessa situazione della Libia: chi detiene il potere nello Yemen?) per lo sviluppo della rispettiva sicurezza marittima
EUTM ed EUNAVFOR in Somalia, la prima per rinforzare le forze armate nazionali e la seconda per contrastare la pirateria”

Questa settimana l’Europarlamento ha poi approvato una nuova strategia per il riarmo, meno male che non si tratta di una legge! La risoluzione chiede inoltre che gli Stati membri spendano per la difesa almeno il 2% del PIL, che venga rafforzata la “base tecnologica e industriale della difesa europea” e che venga creato un “mercato comune della difesa”. A proporre le politiche per prepararsi alla guerra sono stati due rappresentati della coalizione bipartisan che controlla questo organo sovranazionale, e guarda caso entrambi provengono dal vecchio est europeo Eduard Kukan, uno slovacco del Partito Popolare, Indrek Tarand, un estone del Gruppo Verde. Chi pensa che il nemico sia lo Stato Islamico e la destabilizzazione del Medio oriente sbaglia in pieno. Dalla discussione parlamentare si evince che la minaccia proviene da est e si chiama Russia. Difficile comprenderne la logica, ma in Europa non batte un cuore solo, ma tanti, anzi forse a questo punto decisamente troppi. Mentre gli europarlamentari del vecchio est europeo, in parte istigati dagli americani paladini della NATO, giocano al riarmo contro Putin quelli della vecchia Europa occidentale li lasciano fare perché tutto ciò farà bene alle economie dei loro paesi. Intanto nessuno denuncia il fatto che l’ombrello militare americano è pieno di buchi: nel Medio Oriente l’ISIS è alle porte di Damasco, in Arabia Saudita il Califfato aizza lo scontro tra sciiti e sunniti e fa passi da gigante in Libia e Libano, nello Yemen Riad e Teheran sono coinvolte in una guerra per procura ed i curdi turchi spingono per l’indipendenza. Invece di vendicarsi dell’URSS ed allearsi con gli ex nemici dei vecchi nemici, gli ex europei dell’est farebbero bene ad aprire gli occhi sul nemico presente. Se la grande coalizione di Obama non ferma l’avanzata dell’ISIS e si destabilizza tutta l’area anche gli islamisti del Caucaso si galvanizzeranno ed in poco tempo a minacciare l’Europa orientale non sarà Putin ma il nuovo Califfo. A quel punto sarà interessante vedere se il parlamento europeo suggerirà di mandare i nostri figli a difendere la vecchia Europa dell’Est e cosa ne diranno i parlamentari della vecchia Europa occidentale.

Fonte: Il Fatto Quotidiano