Chi ci segue dall’inizio ha visto la nostra crescita in questi cinque anni di lavoro. Abbiamo iniziato in un garage, per davvero, senza riflettori, ma soprattutto, senza soldi, senza avere nessuno alle spalle, né banche, né partiti, né imprenditori, e a piccoli passi siamo riusciti a costruire un gruppo editoriale a tutti gli effetti. Tutto è nato con L’Intellettuale Dissidente, dalle sue colonne digitali sono emerse la casa editrice GOG, il trimestrale cartaceo Il Bestiario degli italiani, il festival dell’editoria e del giornalismo Libropolis, i circoli Blast, la rivista sportiva di approfondimento culturale Contrasti, ma soprattutto un gruppo di persone che legge, si informa, si riunisce, per non soccombere in questa epoca che si dice libera ma che libera non è.

Dicono che non siamo al passo coi tempi per questo ci appelliamo a Voi per continuare a fare quello che già facciamo, allargando sempre di più questa meravigliosa comunità di lettori e scrittori che improvvisamente si è ritrovata a condividere passioni e battaglie. Nella campagna abbonamenti del 2017 abbiamo raccolto circa 400 iscrizioni per un totale di 15mila euro. Un dono prezioso che ci ha permesso di crescere e di ottenere risultati concreti che sono ormai sotto gli occhi di tutti. Ma come sapete siamo ambiziosi e perciò intenzionati, in questo 2018, a raggiungere un obiettivo ancora più importante: 30mila euro in tre mesi. La raccolta fondi con le ricompense (tessere, sconti e libri GOG, abbonamento gratuito al Bestiario, ecc.) durerà fino al 4 aprile poi come sempre sarà possibile donare liberamente durante tutto l’anno (senza ricompense).

30mila euro è una cifra che ci consentirebbe di consolidare quella che ormai è una realtà affermata nel panorama giornalistico ed editoriale italiano e di rappresentarvi senza complessi nella grande battaglia delle idee. Senza di Voi, non esisteremmo, ma senza di Noi, a chi affidereste la vostra libertà intellettuale? Lo abbiamo detto fin dal primo giorno: siamo molto più di una rivista. Scommettete sul nostro progetto, non ve ne pentirete.

Cosa facciamo?

Nell’epoca del clickbait e del fact-checking, in cui i lettori vengono presi per consumatori o per analfabeti, in cui persino la realtà è diventata una “fake news”, L’Intellettuale Dissidente ha deciso di remare in tutt’altra direzione: accanto alle pubblicazioni quotidiane di approfondimenti e analisi (sezione Controcultura) di oltre 6mila battute accuratamente impaginati che spaziano dalla geopolitica, alla politica italiana e all’economia, fino alle questioni di carattere culturale, sociale, filosofico e antropologico, abbiamo inventato un contenitore di opinioni veloci (sezione Cartucce) che permette di commentare la stretta attualità con ironia, irriverenza e capacità di sintesi.

Dalla parte dei lettori

Anche quest’anno abbiamo deciso di non dipendere da pubblicità, click o traffico, ma di avere come unico obiettivo il buon giornalismo e la buona editoria al servizio dei lettori. Senza banner che guastano la lettura e con tutti i contenuti rigorosamente gratuiti.

Cosa faremo col malloppo?

Dietro ogni pubblicazione, che sia un articolo o un libro, si cela il lavoro di più persone: c’è l’autore ma c’è anche chi si è occupato con estrema cura della correzione delle bozze, dell’impaginazione, della grafica, e della conseguente diffusione sui canali sociali o sulla carta stampata. Sono circa 10mila gli utenti che quotidianamente vanno sul nostro sito, se solo un decimo di questi diventasse un donatore raggiungeremmo la cifra sperata. Ecco cosa faremo con 30mila euro: 10mila euro serviranno a pagare l’affitto dell’ufficio romano, 5mila a partecipare a tutte le fiere dell’editoria italiane, 10mila euro ad attuare una seria strategia digitale per aumentare in maniera esponenziale la nostra comunità di lettori, 3mila euro a produrre magliette, poster e agende de L’Intellettuale Dissidente acquistabili sul sito www.gogedizioni.it, e infine 2mila euro per organizzare un ciclo di 4 incontri tematici a Roma con relatori d’eccezione.

Come effettuare la donazione?

Una volta scelta la tipologia di donazione cliccate sul pulsante “Dona ora”. Potrai effettuare il pagamento in due modi: attraverso PayPal inserendo mail e password del proprio account ( il nostro contatore si aggiornerà automaticamente). Oppure tramite bonifico bancario ( in questo caso il nostro contatore si aggiornerà dopo qualche giorno). Una volta inseriti tutti i dati, compresi quelli di spedizione il gioco è fatto. Per assistenza ed informazioni varie rivolgersi a lintellettualedissidente@gmail.com