Per abbonarti clicca qui Per guardare il video della campagna clicca qui

SULLA STRADA DEL PRIMATO 

Quando ci siamo lasciati Vi avevamo promesso che saremmo diventati nel giro di pochi anni il primo mezzo d’informazione indipendente nel panorama giornalistico italiano. Siamo sulla buona strada, a testimoniarlo è la viva partecipazione agli incontri, ai dibattiti, alle presentazioni, alle conferenze che abbiamo organizzato in giro per il Paese, da Nord a Sud. Ma soprattutto ce lo dite Voi che nel 2015 avete risposto positivamente al nostro appello: in 12 mesi abbiamo raccolto 9mila euro circa di contributi.  La campagna abbonamenti del nostro progetto editoriale giunge così al suo secondo anno. L’obiettivo questa volta è di raggiungere i 15mila euro per continuare a darVi voce in modo ancora più autorevole e professionale. 

I RISULTATI OTTENUTI QUEST’ANNO GRAZIE AL VOSTRO SOSTEGNO

Con i nostri circoli di lettori sparsi su tutto il territorio siamo di fatto riusciti ad organizzare incontri straordinari con ospiti di eccezione. Abbiamo portato in Italia Alain De Benoist, Eric Zemmour, e Alexander Dugin. Abbiamo fatto sedere allo stesso tavolo Marco Tarchi e Alessandro Giuli, Paolo Becchi e Alberto Bagnai, Luca Giannelli e Stenio Solinas, Diego Fusaro e Giuseppina Barcellona, Massimo Fini e Antonio Padellaro. Ed è solo l’inizio. Il programma del 2016 ha la stessa caratura. 

DA “L’INTELLETTUALE DISSIDENTE” AL “CIRCOLO PROUDHON EDIZIONI” ALLA RIVISTA TRIMESTRALE “IL BESTIARIO DEGLI ITALIANI”

Nell’arco di tutto il 2015 contiamo con le “edizioni Circolo Proudhon” (vedi il catalogo sul sito www.circoloproudhon.it) quasi 20 pubblicazioni a sfondo esclusivamente saggistico. Ultima iniziativa è stata quella de “Il Bestiario degli italiani”, una rivista trimestrale che conta tra le 3 e le 40 pagine e che si inserisce in quel filone cutlurale a sua volta intrapreso nei primi nel Novecento da Mino Maccari, Giuseppe Prezzolini, Leo Longanesi, Curzio Malaparte. “Scrittori emergenti, qualche grande firma e uno stile pamphletistico scandito da vignette e illustrazioni darà vita alla prima rivista strapaesana del nuovo millennio”  si legge sul sito www.ilbestiariorivista.it 

PERCHE’ TESSERARSI?

La tessera annuale parte da un contributo di 30 euro. Questo non vuol dire che i contenuti del sito saranno a pagamento ma rimarranno invece gratuiti così come è stato per due anni e mezzo.

– Tesserarsi sarà un atto simbolico per sostenere idealmente l’intero progetto. Il vostro finanziamento garantisce la nostra indipendenza, nonché l’assenza di pubblicità sul sito, e vi assicurerà la nostra professionalizzazione e una qualità permanente. 

– Inoltre i tesserati avranno il 20% di sconto sui libri delle nostre edizioni Circolo Proudhon. 

– Ed infine potranno partecipare al congresso generale che terremo alla fine di ogni anno per stabilire le future prospettive. 

Coinvolgeremo e terremo costantemente aggiornati tutti i contribuenti sulle attività e gli svolgimenti del progetto attraverso sito internet, social network e newsletter (iscrivetevi se non l’avete già fatto).