Devi dare il consenso all'uso dei cookies per poter visualizzare questo video. Maggiori informazioni
Devi dare il consenso all'uso dei cookies per poter visualizzare questo video. Maggiori informazioni

Proseguono incessanti le manifestazioni contro l’elezione di Donald Trump. Paradossalmente dove si sono registrati i maggiori scontri è proprio Portland, simbolo stesso del “progressismo democratico”. La città più popolosa dell’Oregon è infatti stata per anni dipinta come il paradiso di hippy, hipster, ecologisti, vegani e femministe. Il contrasto tra questa immagine pacifica e la violenza esplosa nell’ultima settimana è tanto più stridente se paragonata al ritratto buonista dipinto nella ironica serie Portlandia. I manifestanti hanno invaso le strade del centro sfogando la loro rabbia contro vetrine e auto. Settantuno persone, prevalentemente maschi bianchi under 25, sono state arrestate in seguito ai disordini di sabato pomeriggio. Ma, a dispetto di questa patina progressista, l’Oregon – nell’unione solo nel 1859 – fu fondato come “utopia bianca” e aveva nella propria Costituzione il divieto di residenza per le persone di colore. La vittoria di Trump pare abbia riportato a galla antiche tensioni, come per esempio nella capitale Salem, dove un gruppo di studenti ha sventolato la bandiera confederata invitando gli alunni ispanici ad andarsene. In realtà sono proprio i giovani i più coinvolti in questi giorni di rivolta contro il risultato elettorale, ma anche quelli che maggiormente hanno disertato le urne.

Immagini degli scontri fra polizia e partecipanti alle proteste anti-Trump a Portland

La contestazione, che infiamma altre grandi città americane, è condita dai soliti slogan pieni di retorica – da “not my president” a “love trumps hate” – e trova come fondamento il fatto che il candidato repubblicano non abbia vinto il voto popolare – 47,4% contro il 47,7% della Clinton -, ma questo è assolutamente indifferente nel sistema elettorale americano ed è già accaduto nel recente passato. La vittoria di Trump, a differenza di quella risicata del primo mandato di Bush Jr., però è stata schiacciante; tanto che l’avrebbe portato alla Casa Bianca anche alle elezioni di quattro anni fa. Il neo-presidente si è aggiudicato infatti non solo quattro su cinque dei cosiddetti “swing state” – Ohio, Florida, Nord Carolina e Arizona -, capaci da soli di spostare la maggioranza, ma ha strappato anche altri quattro stati tradizionalmente democratici come Iowa, Michigan, Pennsylvania e Wisconsin; la cosiddetta “rust belt” (la fascia industriale più colpita dalle delocalizzazioni) ha scelto di voltare le spalle alla Clinton. Invece di riflettere sui motivi reali che hanno condotto il partito democratico a questa inattesa debacle, gli analisti e i manifestanti lanciano strali contro quei bianchi operai e della classe media con un livello d’istruzione inferiore, che a loro avviso hanno scelto il candidato anti-establishment. Si manifesta così anche oltre oceano il solito snobismo e la supposta superiorità morale che “progressisti” sfoderano ogni volta che escono sconfitti dalle urne.

L’apice della superiorità intellettualmoralista toccato in Rai che per chi se lo fosse dimenticato è ancora un servizio pubblico

Nessuna auto-critica, nessuna riflessione sul perché Trump abbia ricevuto il più alto numero di voti per un candidato repubblicano anche dai neri, tra gli ispanici e dalle minoranze religiose. Nessuno che si stracci le vesti per non essere andato a esercitare il diritto di voto – studenti in primis – e nemmeno il rammarico di avere lasciato la bellezza di sei milioni di voti al terzo candidato; più del triplo rispetto alle precedenti elezioni e in costante aumento. Dov’erano tutti questi manifestanti quando, grazie all’email-gate, era venuto a galla come le primarie democratiche fossero state truccate e di come i delegati avessero già deciso il proprio voto per impedire la vittoria di Sanders? Come al solito, gli illuminati “democratici progressisti” vorrebbero cancellare l’esito elettorale che non li soddisfa e sminuire il voto della maggioranza. Dietro le loro tastiere e i loro smartphone sottoscrivono la petizione su Change.org, chiedendo ai grandi elettori di non ratificare l’elezione del presidente eletto dalla stragrande maggioranza degli Stati federali. Inutile dire che ciò non è mai accaduto nella storia degli Stati Uniti e che, ragionando in tal modo, non comprenderanno mai le ragioni della loro sconfitta; nemmeno avendo un’istruzione “superiore”.